Arriva la critica: “Cori razzisti contro Napoli? Sì, ma anche il San Paolo…”

Un San Paolo semi vuoto si colloca fra gli stadi più affollati della Serie ABeppe Severgnini, editorialista del Corriere della Sera, ritorna ad attaccare fortemente l’ambiente partenopeo. Il giornalista, infatti, dopo la lite tra Sarri e Mancini aveva aspramente criticato il comportamento dell’allenatore del Calcio Napoli e di Gonzalo Higuain, accusato di essere un giocatore che in campo protesta troppo. Nonostante il popolo napoletano sia stato colpito dai vergognosi  cori razzisti da parte dei tifosi della Sampdoria, Severgnini ha attacco la tifoseria azzurra, sminuendo invece quello che è successo ieri a Marassi.

Ecco un estratto dell’articolo del giornalista uscito oggi sulle pagine del Corriere della  Sera: “L’insulto aggressivo incoraggia il cattivo comportamento degli stadi. Perché seppellire di fischi gli avversari appena giocano la palla? Al San Paolo accade sistematicamente. Che senso ha? Senza buoni avversari non ci sarebbero belle partite: no? Diciamolo, scriviamolo, ripetiamolo: il 2016 non è il 1976. Sostenere la propria squadra non significa disprezzare o umiliare gli ospiti. Uno stadio che fischia ogni possesso di palla avversario dimostra insicurezza, non forza. Proviamo a tifare col cuore e a ragionare con la testa, per una volta: si può fare”. Questo il suo tweet: 

Potrebbe anche interessarti