Altro show indegno a Marassi: perchè ora tutti zitti?

tifosiEntella-3-631x316

Un altro show deplorevole si è verificato ieri pomeriggio a Marassi quando sono state pronunciate, come un rito ormai, frasi e cori contro Napoli ed i napoletani. Dopo pochi minuti dal fischio d’inizio del match tra Sampdoria e Calcio Napoli si son sentiti i soliti cori beceri alzarsi dalla curva dei tifosi locali come “Napoli colera” e “Vesuvio lavali col fuoco”. Insomma, frasi che purtroppo da queste parti ci rifilano negli ultimi tempi con assidua frequenza, quasi fosse diventato un rito voodoo da inneggiare. Ma il fatto da constatare con assoluta vergogna è che nessuno alzi il dito contro questi pseudo-tifosi che si nascondono dietro la loro beata ignoranza.

Dopo il polverone messo in auge da Roberto Mancini con discreto successo contro il povero, seppur colpevole, Maurizio Sarri, ammettendo di aver sbagliato e scusandosi prontamente dimostrando coraggio e signorilità, possiamo assistere ad un mutismo pressochè totale da parte dei media e degli addetti ai lavori quando si tratta di mettere in risalto episodi per nulla piacevoli e per nulla corretti nei confronti di un popolo e di una storia che diventa quasi impotente dinanzi a questo scempio.

Dove sono i Mancini di turno che invitano a non far scendere più in campo persone che ledono l’immagine e la cultura sportiva? Dove sono i finti perbenisti che combattono, a dir loro, per una equa lealtà sportiva e che dovrebbe trovare le propria fondamenta nel rispetto tra le tifoserie?

Ecco, Napoli ed i napoletani sono stufi di sentirsi urlare ogni domenica qualche maledizione contro. Non si chiede la luna, ma solo il giusto rispetto che meritano una città ed i suoi cittadini.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più