Napoli, Higuain: col Chievo è caccia all’ennesimo record, intanto guida già una speciale classifica

Higuain scarpa d'oroIn principio fu il Chievo Verona, prima vittima sacrificale del goleador di razza Gonzalo Higuain. Era una calda sera di fine estate, per la precisione il 31 agosto 2013 e colui che non avrebbe dovuto far rimpiangere Edinson Cavani cominciava a farsi largo nel cuore dei tifosi del Calcio Napoli. Due anni e mezzo e 60 gol più tardi saranno di nuovo l’uno di fronte all’altro, Higuain e il Chievo. E per uno strano scherzo del destino anche stasera la partita potrebbe rientrare ancora una volta di diritto nell’almanacco delle statistiche relative all’argentino.

L’edizione odierna della Gazzetta dello Sport, infatti, ricorda che stasera i riflettori del San Paolo potrebbero illuminare un nuovo entusiasmante record, o meglio che Higuain potrebbe eguagliarne uno raggiunto già quando vestiva la gloriosa maglia blanca del Real Madrid. Nella Liga spagnola del 2009-2010, infatti, l’attaccante argentino totalizzo 27 reti, fino ad ora il massimo numero di gol messi a segno da Gonzalo in un intero campionato.

Al momento durante questa strepitosa stagione Higuain ha realizzato già 25 centri in Serie A, per cui stasera, contro il Chievo Verona, con una doppietta potrebbe già eguagliare il suo vecchio record (e chissà, magari superarlo), per giunta con un bel po’ di giornate d’anticipo rispetto a quanto fece durante la sua esperienza galactica.

Dopo l’anticipo di questa sera, infatti, mancheranno ancora ben undici giornate di campionato, che Higuain potrà certamente sfruttare per frantumare il suo record di gol siglati in un campionato e centrarne ancora degli altri. In fondo, nonostante la scorsa stagione da alcuni suoi detrattori sia stata considerata negativa – soprattutto a causa dei troppi rigori falliti – va detto che Higuain, da quando veste la maglia azzurra, è il capocannoniere del campionato con ben 60 reti. Nessuno, infatti, dal 2013 ad oggi ha fatto più gol in Serie A. E solo Luca Toni (con 45 gol) e Mauro Icardi (con 42 centri) riescono a stargli leggermente in scia. Certo, se dovesse continuare a segnare come sta facendo da alcuni mesi a questa parte, sarà dura continuare a farlo.

Potrebbe anche interessarti