Nazionale, il faccia a faccia che ha spento le polemiche tra Conte e Insigne

Insigne

Gli scugnizzi non hanno certo paura del confronto diretto, anche quello a muso duro. Antonio Conte nemmeno. Non potevano che riappacificarsi così, dunque, il commissario tecnico della Nazionale italiana e Lorenzo Insigne, con un faccia a faccia duro ma schietto, che si sarebbe tenuto tra i due negli scorsi giorni in quel di Coverciano, centro d’allenamento della squadra che a partire dal 10 giugno prossimo rappresenterà il nostro Paese agli Europei di Francia.

A rivelarlo l’edizione odierna del quotidiano “Il Mattino”, che tra le proprie pagine sportive dedica grande attenzione agli screzi verificatisi tra il talento partenopeo e l’ex allenatore della Juventus. Il tutto cominciò ad ottobre, in occasione di una delle ultime gare valide per la qualificazione agli ormai prossimi campionati europei d’Oltralpe: Insigne, infortunatosi ad una caviglia, preferì abbondonare il ritiro per tornare a Castel Volturno e farsi curare dai medici sociali del club di Fuorigrotta piuttosto che da quelli della Nazionale, mandando su tutte le furie Antonio Conte, uno abituato a non guardare in faccia a nessuno (Alessandro Del Piero compreso) e a mettere sempre le dinamiche di gruppo davanti a tutto il resto.

Morale della favola, nonostante le prestazioni superlative di Insigne con la maglia azzurra del Calcio Napoli e lo scarseggiare quanto a fantasia e classe nel reparto offensivo della Nazionale, Conte decide di non convocare più il calciatore, scatenando tra l’altro numerose polemiche nell’ambiente napoletano e non solo per l’assenza di quello che partita dopo partita si dimostra essere il miglior calciatore italiano del campionato di Serie A.

Se, però, vale il detto quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare, Conte si rende conto di non poter fare più  a meno del talento di Lorenzo il Magnifico e finalmente torna a convocarlo, seppur per due gare amichevoli (comunque di lusso come quella già disputata contro la Spagna e quella in programma martedì sera contro la squadra campione del mondo, la Germania), che tuttavia sono anche gli unici due incontri dell’Italia prima dell’attesissimo torneo estivo.

Insigne risponde subito presente, siglando la rete del momentaneo 1-0 contro le Furie Rosse, che poi pareggeranno fissando il punteggio definitivo sull’1-1. A convincere Antonio Conte che Insigne ha capito la lezione, però, non sarebbero state tanto la sua rete e la sua ottima prestazione, ma un duro faccia a faccia tenutosi tra i due nel centro di Coverciano, nei giorni immediatamente precedenti alla gara.

Il ct ha ribadito ancora una volta di essere rimasto deluso dal comportamento di Insigne ad ottobre, ma il calciatore napoletano lo ha rassicurato sull’importanza che per lui riveste la maglia azzurro-Italia, al che Conte gli ha risposto: “Allora dimostramelo”. Contro la Spagna dovrebbe esserci riuscito alla grande.

Potrebbe anche interessarti