Sconcerti: “Napoli, ti sei accontentato di essere vittima di fatturati ed errori arbitrali”

Sconcerti: "Il Napoli merita il secondo posto, Higuain..."Il noto opinionista sportivo, Mario Sconcerti, ha analizzato la stagione del Napoli dal suo punto di vista, e lo ha fatto prima ai microfoni di Sky Calcio Club, in onda su Sky Sport, e poi sulle pagine de “Il Corriere della Sera”, nel suo consueto editoriale. Sconcerti ci è andato giù pesante, accusando il Napoli di non aver fatto abbastanza per meritare lo scudetto e di essersi nascosto dietro gli alibi del fatturato e degli arbitri.

 “Al Napoli sono mancate due cose per contendere lo scudetto alla Juve. In primis un comportamento equilibrato in trasferta dove ha perso troppo, 6 volte. Non si vince un campionato perdendo 6 partite. E poi una maggiore flessibilità nella gestione dei giocatori. Forse è mancata anche l’abitudine a giocare a livello scudetto. Ci si è accontentati presto di essere vittime della ricchezza degli altri, delle ingiustizie arbitrali. Il caso Higuain è stato quasi esemplare. A Udine hanno vinto Juve, Inter, Roma e Milan. Quando Higuain ha litigato con l’arbitro il Napoli perdeva 3-1, ma si è parlato solo dell’arbitro, non dei tre gol subiti”. 

Qualche colpa, secondo il giornalista, ce l’ha anche Sarri: “Non ha portato qualcosa di profondamente nuovo nel calcio, ha portato qualcosa di diverso per il Napoli; una cosa che si era già vista anche ad Empoli per esempio. Questa per gli azzurri è stata una stagione straordinaria, fuori dall’ordinario ma credo che se c’è un elemento che deve crescere quello è Sarri. È stato a tratti un po’ didascalico, ha lasciato troppe responsabilità alla squadra senza riuscire a darle sempre cuore. Il Napoli ha perso punti in trasferta per minor intensità, come se mancassero leader in grado di indirizzare la squadra verso cambiamenti di ritmo”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più