Maradona: “Scudetto a Napoli era lotta tra Nord e Sud. Messi? Non farà mai…”

Diego Armando MaradonaOggi parliamo di un Dio, Diego Armando Maradona. Per i napoletani, è una figura storica, sacra e intoccabile. Diego sentiva il bisogno di raccontarsi, e l’ha fatto scrivendo un libro: “La mano di Dio” (Mondadori). Il libro è stato scritto insieme al giornalista argentino Daniel Arcucci e l’uscita è prevista per il 21 giugno. Non è solo un racconto della carriera di Diego ma anche un atto d’amore verso la città di Napoli e un omaggio all’Italia perché, come chiarisce il campione argentino, non si sarebbe preparato così bene senza il prezioso aiuto del professore Dal Monte. Maradona descrive cosi il cammino verso l’agognato Mondiale: “Risento il dolore dei calci dei sudcoreani, godo di nuovo nel vedere il duello contro gli italiani, l’ebbrezza contro i bulgari, nel sentire che feci delle magie contro gli uruguaiani, nel vedere come volai contro i belgi e come esultai contro i tedeschi”. Un cammino che lo consacrerà come il Dio del calcio.

Poi descrive invece perché anche a Napoli si sentiva casa, quando invece era ad un oceano di distanza dalla patria argentina: “Molte cose in quella città mi facevano ricordare le mie origini e anche il quartiere La Boca. Mi resi conto che ci sarebbe stato da soffrire, da soffrire parecchio, ma sapevo che anche le imprese difficili erano quelle che preferivo. Giocare nel Napoli fu la migliore preparazione possibile per il Mondiale del Messico. Innanzitutto perché mi fecero sentire importante, mi fecero sentire necessario, cosa che ormai nel Barcellona non accadeva più. In secondo luogo perché ero obbligato a essere al top sul piano fisico per eludere le marcature di avversari sulla carta superiori. La lotta, nel Napoli, sì che si sentiva. Contro tutti e tutto. Era la battaglia del Nord contro il Sud, quella battaglia che mi fortificò e mi permise di fare ciò che più mi piace: difendere una bandiera. E se era la bandiera dei più poveri, meglio ancora“.

Si parla anche di Messi, quello che per molti è l’erede di Maradona, di cui Diego parla cosi: “Si prepari da solo, come feci io nell’86, per vincere i Mondiali nel 2018. Ma non potrà fare le cose che ho fatto io a Napoli”. Forse Messi non farà quello che ha fatto Maradona, ma un altro argentino, a Napoli, forse non ha ripetuto l’impresa di Diego ma ci si è avvicinato molto!

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più