Maradona: “Non andare a Napoli, ti faranno impazzire. Tornò con una valigia piena di…”

 

Maradona e Dalma

Se di cognome fai Maradona a Napoli di certo non puoi passare inosservato. Fa nulla che non ti chiami Diego Armando e ai piedi hai dei tacchi piuttosto che dei tacchetti. E’ quanto accaduto a Dalma, una delle figlie del Pibe de Oro e di Claudia Villafane, nel 2011, quando decise di tornare nella città dove aveva vissuto per i primi due anni di vita. Non immaginava, però, che sarebbe stata travolta dall’affetto dei tifosi suo padre.

A raccontarlo lo stesso Diego Armando Maradona in persona, idolo indiscusso del Calcio Napoli. Lo fa nel libro nel libro “La mano di Dio”, edito dalla casa editrice Mondadori il 21 giugno scorso, dove si raccontano stralci di vita napoletana. Tra i tanti particolare l’avvenimento riguardante la figlia Dalma – reso noto dalle pagine del portale IlCorrieredelMezzogiorno.it. Era il 2011 quando decise di ritornare a Napoli, sua città natale, lasciata a soli due anni. Maradona senior insisteva affinché ciò non avvenisse, conoscendo già il grande affetto di cui sono capaci i napoletani. “No, tesoro. Meglio andare da un’altra parte, a Napoli sono molto affettuosi, ti faranno impazzire” o ancora “I napoletani sono affettuosissimi. Pensa l’Argentina e moltiplica per dieci” affermava il Pibe de Oro. Ma Dalma non si tirò indietro e decise di affrontare il viaggio.

In città riscoprì il calore dei napoletani: quasi non riusciva a camminare per strada per le dimostrazioni d’affetto, le foto ricordo e gli abbracci ricevuti. Ritornò anche nel vecchio stabile dove viveva e fu costretta a fermarsi ad ogni piano dove ricevette vari doni dai condomini e pure una valigia per portarli in Argentina. Ancora una volta i napoletani sono riusciti a mostrare il proprio gran cuore e la grande ospitalità, e così alla fine Diego commenta soddisfatto “Avevo ragione. I napoletani sono cosi“.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più