Milik, cuore napoletano: “Napoli è qualcosa di speciale, è perfetta!”

foto sscnapoli.it
foto sscnapoli.it

E’ arrivato a Napoli con l’ingombrante eredità lasciata in dote da Gonzalo Higuain. Ma ad Arek Milik è bastato una sola partita per cancellare il ricordo dell’argentino: doppietta all’esordio da titolare contro il Milan. Prima un gol da rapinatore d’area, poi un colpo di testa da vero bomber. E’ così che il gigante polacco ha conquistato fin da subito i cuoi dei tifosi partenopei. E’ ancora presto per dire se ripeterà quanto fatto da Higuain (e ancor prima da Cavani) ma l’inizio è di quelli promettenti. Milik adesso si trova in ritiro con la propria nazionale, dove ha rilasciato alcune dichiarazioni sul Napoli e sul suo stato attuale.

Durante l’Europeo sono cambiate diverse cose nella mia vita. Ho cambiato squadra e sono felice di questo. Lavoro duro per mantenermi al livello del Napoli – spiega Milik – per giocare spesso dall’inizio. Sono felice del debutto casalingo, abbiamo vinto 4-2 e ho segnato due gol“. Prosegue: “I tifosi napoletani sono fanatici come mai mi è capitato di vedere. Paragoni con l’Ajax? E’ difficile, Napoli è qualcosa di speciale. L’atmosfera sugli spalti è inusuale, le prime impressioni sono positive e la città ha una sua atmosfera. Ci sono delle zone in cui non tutto magari è tenuto benissimo, ma è bella ed è perfetta per passarci del tempo. C’è un clima stupendo e le condizioni ideali per giocare a calcio. E, cosa più importante, c’è una grande squadra“.

Milik non vuole però pensare alla cifra che il Napoli ha speso per acquistarlo: oltre 30 milioni di euro, diventando così il calciatore polacco più costoso di sempre: “Non ci penso, è importante che io adesso mi metta in mostra in campo. Non mi faccio condizionare dal costo del mio cartellino“. Infine, una battuta sulle sue lezioni di italiano: “Sto imparando l’italiano, anche se ad agosto l’insegnante era in ferie. Durante gli allenamenti sto prendendo lezioni decenti…“.

Potrebbe anche interessarti