De Laurentiis: “Spesi quasi 150 milioni, nessuno meglio di noi in questo mercato. Su Cavani…”

De LaurentiisAi microfoni di Radio Kiss Kiss, il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, ha fatto il punto sul mercato appena concluso, con accenni sui singoli giocatori e sulla stagione da poco cominciata. Vediamo nel dettaglio le sue dichiarazioni:

Un bilancio sul mercato fatto dagli azzurri: “Abbiamo speso circa 130 milioni di euro sul mercato, anche se a questi vanno aggiunti più o meno 20 milioni per gli adeguamenti di contratto dei giocatori che avevamo già in rosa. A centrocampo ci siamo rafforzati tantissimo, forse siamo la squadra in Europa che ha fatto meglio sul mercato in prospettiva. Abbiamo preso Tonelli e Maksimovic non perché non credessimo nei nostri, ma in vista della Coppa d’Africa. Il primo ha già giocato con Sarri, il secondo lo cerchiamo da quasi due anni. Il reparto però era già ben attrezzato, non è un caso che il Chelsea abbia offerto più di 50 milioni di euro per uno dei nostri difensori. Il mercato di gennaio? Adesso cominciamo a lavorare per gennaio in modo da non farci trovare impreparati qualora servisse apportare delle modifiche alla rosa. Tra infortuni e giocatori che potrebbero non inserirsi negli schemi di Sarri qualcosa potrebbe succedere, non si sa mai”.

Su Gabbiadini e Milik: Gabbiadini è incedibile innanzitutto perché ha trovato una sintonia col nostro allenatore. Nessuno deve prendersela se gioca meno, né Gabbiadini né Insigne. L’importante è vincere. Abbiamo praticamente due squadre e ogni volta deve scendere in campo il giocatore più adatto tatticamente o che sta meglio fisicamente. Milik non ha senso paragonarlo a Higuain. Prima il Napoli giocava per Higuain, ora la squadra gioca per la squadra”. 

I rumors su Cavani: “Ho letto un sacco di cavolate in questi giorni. Mi sono permesso di chiamare Blanc e chiedergli se era vero che Cavani volesse andare via. Lui però mi ha risposto che Edinson è un punto fermo del PSG. Mi fa comunque piacere il fatto che lui sia rimasto così legato a Napoli”.

Sulla gara con il Milan:Abbiamo segnato tanto, ma abbiamo anche subito troppe reti. Vogliamo sistemare la difesa, riportando Koulibaly, Albiol e Ghoulam ai livelli dello scorso anno. I nuovi devono inserirsi piano piano, sono sicuro che faremo bene”.

Sulla Champions: “Non dobbiamo prendere sotto gamba le nostre avversarie. Magari il nostro girone è più semplice degli altri, così come quello della Juventus, ma serve attenzione”.

Infine, un accenno al mancato arrivo di un attaccante e alla “clausola anti-Juve”: “Un ulteriore attaccante non avrebbe consentito a Milik e Gabbiadini di esplodere definitivamente. La clausola? Quasi tutti, forse tutti, i contratti hanno le clausole rescissorie. I nostri giocatori non possono essere ceduti in Italia, ma solo all’estero e per X milioni. Dopo il caso Higuain, abbiamo deciso di prendere questo provvedimento”. 

 

 

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più