Calciopoli, falso in bilancio per Juventus e Fiorentina: rischi penalizzazione e retrocessione

Calciopoli JuventusChissà se questa storia – una delle più tristi del calcio italiano – avrà mai fine. Dieci anni dopo Calciopoli, infatti, si torna ancora a parlare di ingiustizie, beghe legali, truffe e conseguente rischio di penalizzazione o addirittura di retrocessione. Le orecchie, in questo caso, fischiano alla Fiorentina e molto probabilmente a breve sarà lo stesso pure per la Juventus. Falso in bilancio, questa l’accusa che fa tremare dirigenti e tifosi delle due compagini.

Nello specifico la colpa, o per meglio dire l’illecito che sarebbe stato commesso dai vertici dei due club di Serie A, già abbondantemente puniti (con retrocessione e penalizzazione a carico della Vecchia Signora e con una penalizzazione con permanenza nella massima serie per i viola) nell’ormai lontano 2006, risulta quello di non aver inserito – ad oggi – nei propri bilanci la cifra da versare ad alcune società e persone danneggiate dagli stessi fatti accertati dalla procura federale 10 anni fa in merito a Calciopoli.

Se per la Fiorentina – come riportato nell’edizione odierna della testata Il Fatto Quotidiano – una denuncia a suo carico è già esistente, in quanto sporta lo scorso luglio dalla società Victoria 2000 srl, facente capo all’ex presidente del Bologna, Giuseppe Gazzoni Frascara; per la Juventus il reato di falso in bilancio potrebbe profilarsi molto a breve: martedì 25 ottobre, infatti, i bianconeri saranno chiamati all’approvazione del bilancio 2016, ma non risulterebbero essere presenti accantonamenti per risarcire il Brescia, l’Atalanta, il Bologna, la Victoria 2000 srl e la Figc, tutti soggetti che la Corte di Cassazione, il 23 marzo 2015, ha riconosciuto parti lese nell’ambito del processo Calciopoli.

Tutto ciò, per la giustizia sportiva, si profila a tutti gli effetti come un illecito sportivo, tale dunque da poter essere punito con dei punti di penalizzazione sino alla retrocessione diretta in Serie B. Stando all’art. 7 della medesima giustizia sportiva, la presenza di anomalie nei bilanci presentati alla Covisoc renderebbe addirittura irregolare la stessa iscrizione al campionato.

Al momento è impossibile dire come andrà a finire la vicenda e se i tifosi della Juventus e della Fiorentina devono davvero temere per le loro rispettive squadre, ma i precedenti esistono eccome: per motivi simili sono stati pesantemente puniti il Parma nel 2014/2015, ma anche il Brescia e il Siena.

 

Potrebbe anche interessarti