Il Napoli di Sarri 1 anno dopo: gli azzurri segnano di meno e subiscono più gol

Sarri

Tre sconfitte nelle ultime tre gare disputate tra campionato e Champions League hanno minato le certezze di inizio stagione del Napoli. Il successo esterno contro il Crotone, ottenuto nell’ultima giornata di campionato, sembra però aver ridato serenità a tutto l’ambiente azzurro. Nonostante la squalifica di Gabbiadini e l’infortunio di Milik, ormai metabolizzato dai tifosi, gli azzurri possono invertire la tendenza negativa delle ultime partite, a cominciare dal match contro l’Empoli al San Paolo. Proprio oggi, 25 ottobre, il Napoli vinceva per 1-0 contro il Chievo alla nona giornata dello scorso campionato.

E’ passato esattamente un anno da quel Napoli, il primo della gestione Maurizio Sarri. Numeri alla mano, dopo 9 giornate di campionato, il Napoli di oggi perderebbe sotto tutti gli aspetti contro quello del recente passato, a cominciare dai punti ottenuti in classica: 18 nella stagione 2015/2016, contro i 17 di oggi. Soltanto un punto di differenza, è vero, ma il Napoli di un anno fa ebbe un inizio di stagione molto più complicato, avendo affrontato nelle prime 9 giornate Sassuolo, Lazio, Juventus, Milan e Fiorentina. Altro aspetto di cui tenere conto sono i gol fatti. La tendenza è sempre positiva, ma leggermente inferiore rispetto a quella di un anno fa: 19 gol (stagione 2015/2016) contro i 17 realizzati fin qui in campionato.

Il Napoli non sembra aver sofferto più di tanto la mancanza di Higuain, ma senza Milik sarà difficile riuscire a tenere questi ritmi. Si registrano numeri negativi anche dalla difesa, fiore all’occhiello del primo anno di Sarri: 8 gol subiti in 9 giornate contro i 10 subiti fin qui dagli azzurri. In buona sostanza, quindi, tutte le principali statistiche del Napoli di oggi, confrontate con quelle del Napoli di 1 anno fa, sono negative. I problemi che attanagliano Sarri sono molti, a cominciare da una difesa che scricchiola più del solito e dalla mancanza di un centravanti che nasconda i limiti del Napoli, come fu Gonzalo Higuain lo scorso campionato. Inoltre, gli azzurri sono impegnati anche in Champions League, competizione che toglierà altre energie psicofisiche al Napoli.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più