Sarri: “Scudetto? Bisogna smettere di parlare con i giornalisti. Maradona è un simbolo”

Maurizio Sarri
foto: sscnapoli.it

Maurizio Sarri ha parlato a fine gara ai microfoni di Mediaset Premium. Ecco cosa ha detto: “Abbiamo fatto un salto di qualità nella mentalità. Abbiamo vinto anche soffrendo, bene così. Scudetto? Penso che bisognerebbe smettere di parlare con i giornalisti. Una frase estrapolata dal contesto non va bene. Non ho la presunzione di vincere tutto, ho semplicemente detto che nella firma io non firmo nulla. Se in Serie C avessi firmato per la Serie B, avrei fatto un c*****a. Maradona? E’ stato emozionante vederlo al campo. E’ il simbolo di una città, è qualcosa di grande. Mi ha commosso averlo potuto incontrare. La partita era nelle nostre mani, poi abbiamo cominciato a palleggiare nelle zone basse di campo. E’ bastato un errore per rimettere in bilico la partita. Abbiamo mostrato i soliti limiti di sempre. Stasera però c’è stato un passo in avanti, perché nonostante la sofferenza siamo riusciti a portare a casa i 3 punti. Milik? Non so se Mertens dovrà cambiare ruolo, non so nemmeno quando tornerà Arek e su che livelli. I più giovani devono rendersi conto di avere grandi capacità, senza perdere umiltà. E poi, avere una cattiveria per cercare di migliorarsi il più possibile. Serve questo per diventare una grande squadra, altrimenti resteremo una buona squadra. Ma già siamo una buona squadra“.

Potrebbe anche interessarti