Cannavaro: “Al Nord invidiano Napoli. Cori razzisti? Non bisogna fare vittimismo”

FABIO CANNAVARO

Fabio Cannavaro, l’ex capitano della Nazionale italiana, ha rilasciato un’intervista al Mattino. Il difensore ha parlato della recente partita disputata tra Napoli e Real Madrid, che ha visto gli azzurri sconfitti. Una sconfitta, però, che non intacca la vittoria conseguita sugli spalti del San Paolo e all’esterno dello stadio.

Una grande serata di sport e civiltà, come spiega anche Cannavaro: “Non mi ha meravigliato il pubblico di Fuorigrotta, ed è strano che ancora ci si sorprenda. Napoli è questa, con i suoi colori, la sa passione, il suo amore per la squadra“.

Cannavaro poi parla dei cori razzisti che, specie al Nord, vedono oggetto i partenopei, con il più classico “Vesuvio lavali col fuoco“. Esempi di inciviltà ed ignoranza, che abbiamo visto recentemente a Bergamo, Torino e Roma. Questo, il pensiero di Cannavaro:

Forse perché ci invidiano le cose belle che abbiamo a Napoli? Non so da dove nasca tutto questo, però credo sia importante non fare vittimismo. E’ un problema che esiste da tempo, e che non riguarda solo il calcio“.

Infine, una battuta sul gesto di Alvaro Morata durante Napoli-Real Madrid, con l’ex Juve che ha zittito il San Paolo, scatenando le ire dei tifosi azzurri: “Sembra che la maggior preoccupazione di alcuni club sia quella di fare guerra alla Juventus. Ma se ti comporti così perdi perché fai il loro gioco, bruciando energie che sarebbero utili in campo”.

Potrebbe anche interessarti