VIDEO/Chiariello: “De Laurentiis non è un pappone, vi spiego io il perchè!”

Nel consueto appuntamento su Canale 21 del programma Campania Sport, il giornalista Umberto Chiariello ha espresso il suo pensiero riguardo alle accuse rivolte a De Laurentiis, sempre inerenti alla sua avarizia nello spendere e investire su top-players, preferendo invece insaccare il denaro, e per questo motivo una parte dei tifosi napoletani lo ha epitetato con l’ingiusto, anche secondo il giornalista, titolo di pappone.

La sua critica colpisce soprattutto tutti coloro che hanno dato un voto insufficiente al mercato azzurro, a causa di fantomatici milioni ottenuti con le varie partecipazioni alle competizioni extra-campionato aggiunti alle cessioni degli ultimi anni di giocatori importanti, come quella di Higuain, mai spesi. Per questo motivo, dando sfoggio delle sue conoscenze tecniche in campo economico e finanziario, il giornalista ha spiegato che la società azzurra è una di quelle poche società di Serie A, davvero solide, in quanto spalma i ricavi e le uscite di soldi nell’arco di un tempo lungo per ammortizzare e scongiurare debiti e collassi finanziari. Inoltre il club azzurro ha una politica nella gestione del giocatori volta anche al guadagno. E’ il caso di Inglese, ultimo acquisto azzurro che ha creato non poco scalpore, soprattutto se si considera che non è approdato fisicamente a Napoli, ma il club ha pensato di trattenerlo un altro anno nella formula di prestito al Chievo. Ed è un’operazione intelligente, secondo il giornalista, appunto perchè un centravanti è un mattone rifugio che può portare alle casse del Napoli importanti introiti. Così come Zapata, acquistato per 7 milioni, ma venduto con un costo maggiore. Quindi la politica economica azzurra è sempre volta al guadagno.

Ecco il video:

(clicca sul player per far partire il video)

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più