Bologna: Comune e squadra verso il restyling del “R. Dall’Ara”

Il comune di Bologna e la società al lavoro per dare ai bolognesi uno stadio più efficiente. Tra le due parti è nata una sinergia ma la situazione ad ora è alquanto ingarbugliata. Il Bologna aveva infatti presentato il progetto di ristrutturazione del vecchio “R.Dall’Ara” con tanto di studio di fattibilità e copertura finanziaria già questa estate ma la modifica sulla legge sugli stadi ha, ad ora, fermato il tutto. Il motivo principale è legata all’area dei campi di Caprara che rientrava all’interno della ristrutturazione ma che non è adiacente alla struttura e, pertanto, non può essere inserito.

Per questo è al vaglio un iter alternativo che dovrebbe essere presentato in autunno. Se così fosse, i lavori partirebbero in autunno del 2019. Il “Dall’Ara”, infatti, nel giugno dello stesso anno verrà utilizzato in occasione degli Europei Under 21 e, pertanto, non sarà possibile operare in quel periodo. Per il Bologna questo comporterebbe di disputare due stagioni in una sede diversa e rientrare nella stagione 2021/2022.

Ad ora è tutto in venire ma di sicuro a breve ci saranno grosse novità e la città potrà avere uno stadio più moderno e funzionale. Una situazione sicuramente opposta a quella che da anni si vive nella città di Napoli. Oramai da anni si parla di progetti riguardanti la costruzione di un nuovo stadio in zone come Bagnoli o Ponticelli o di un restyling dello stesso “San Paolo”. Ma ad ora solo tante teorie e pochissimi fatti se si esclude i lavori del febbraio scorso che hanno portato, però alla semplice ristrutturazione della tribuna stampa ed al cambio dei sediolini in Tribuna Nisida.

Il tutto questo mentre Torino ha due stadi all’avanguardia, Udine ha rinnovato ilo “Friuli” rendendolo un fiore all’occhiello ed anche a Roma il progetto per un nuovo stadio di proprietà della sponda giallorossa va avanti. Napoli dovrebbe prendere esempio proprio da Bologna dove comune e società vanno a braccetto mentre, nel capoluogo partenopeo, ogni anno scattano problemi anche per il rinnovo della convenzione annuale.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più