Hamsik: “ADL non ci ha chiesto lo Scudetto. I cori? Danno fastidio, Napoli è la mia vita”

Marek Hamsik ad un passo dal record di segnature di Maradona con la maglia del Napoli, rilascia una lunga intervista al quotidiano Il Mattino. Si ripercorre la sua carriera, si parla di scudetto e dei cori razzisti. Ecco quanto evidenziato:

“Napoli è la mia vita, non ho mai avvertito necessità di cambiare. Ecco perché sono ancora qui”. 

Scudetto? 

“Presto per dirlo, ma sappiamo che questa può essere la stagione giusta per vincere qualcosa di importante e ci stiamo provando. Ma la strada è ancora lunga e la Juve è una macchina da guerra”. 

Su De Laurentiis, cosa l’ha colpita in quel primo incontro? 

“L’ambizione. Adesso come allora lui vuol fare sempre tante cose. Parla sempre di migliorare e vincere”.

Vincere lo Scudetto. Ve lo ha chiesto? 

“Non ce lo ha chiesto. Siamo noi convinti di poterci riuscire. Sappiamo che questa è la stagione giusta per poter vincere qualcosa di molto importante. Ci stiamo provando, il nostro inizio di campionato è la dimostrazione che siamo molto determinati”.

I cori razzisti che inneggiano al Vesuvio le danno fastidio? 

“Tanto. Ma secondo me ce lo invidiano. Mica sono tanti i vulcani in Europa…”

Record di gol? 

“Diego è un Dio, l’idea di superarlo in classifica regala una bella sensazione. Ma non ci penso. Adesso per fortuna la squadra non ha bisogno dei miei gol e questo è un sollievo. Ci sono tre tenori là davanti, sicuramente mi pesano di più i cambi. L’ho detto anche a Sarri, ma a nessuno piace uscire, mica solo a me”.

 

 

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più