Roma-Napoli: le partite delle nazionali hanno danneggiato il Napoli. I motivi

Lo stop dovuto alle Nazionali, non è sempre positivo. Chiamare in patria i vari giocatori, sottoponendoli a viaggi stressanti e ad impegni calcistici altrettanto impegnativi e faticosi non è un bene per le squadre, nelle quali, sono tesserati. Soprattutto a Napoli, la questione è ancora più delicata per due motivi principali: per prima cosa, questo stop si è presentato in un momento positivo e vittorioso degli azzurri, che non hanno perso nessuna partita dall’inizio del campionato, conquistando la vetta in classifica e distaccando la Juventus di due lunghezze e, secondo problema, che preoccupa di più, il Napoli riprenderà il campionato di Serie A affrontano la Roma all’Olimpico, una partita tutt’altro che semplice e scontata.

Sia il Napoli che la Roma, pretendono una vittoria, una per confermare la scia di risultati positivi ottenuti fino ad ora e l’altra per rilanciarsi, avendo avuto un inizio di campionato un pò turbolento e d’assestamento, dettato dalla necessità di entrare in una nuova ottica di gioco, quella del nuovo mister Di Francesco.

Inoltre, in questi giorni Sarri ha potuto allenare solo un quarto della sua rosa ufficiale, cosa che invece non si è verificato a Trigoria, in quanto le assenze importanti sono state ridotte al minimo, e per assenze importanti parliamo di quei giocatori che quasi sicuramente verranno inseriti nella formazione ufficiale di sabato, come conferma il Corriere dello Sport. Per capire quanto gli azzurri siano in affanno di forze, almeno su carta, rispetto ai giallorossi, basta tener conto che tutto il reparto offensivo azzurro è stato impegnato con le rispettive Nazionali:

ASSENTI DEL NAPOLI: Insigne, Callejon, Reina, Hamsik, Mertens, Hysaj, Koulibaly, Rog, Zielinski.

ASSENTI DELLA ROMA: Manolas, Kolarov, Dzeko, Allison, Fazio.

 

Potrebbe anche interessarti