Hamsik: “Scudetto? La Juventus è favorita. Ci manca ancora qualcosa…”

Archiviata la pausa per le nazionali, con la cocente delusione per la mancata qualificazione al mondiale dell’Italia, è tempo di rituffarsi nel campionato. E si riparte subito con un big match: Napoli-Milan. Gli azzurri vogliono assolutamente vincere, per cancellare il pareggio dell’ultima giornata contro il Chievo, per continuare nella marcia trionfale che li ha portati al primo posto.

Per battere il Milan, però, il Napoli non potrà fare a meno di uno dei suoi uomini chiave, Marek Hamsik. Lo slovacco ha parlato in conferenza stampa a Castel Volturno, in occasione di un evento legato allo sponsor tecnico della società partenopea. L’occasione è stata utile per parlare non solo del campionato, ma anche del Mondiale di Russia 2018, che non vedrà l’Italia tra le partecipanti.

E’ un peccato che l’Italia, come anche la mia Slovacchia, siano state eliminate – dice Hamsik – Ho visto la gara degli azzurri e mi è dispiaciuto. Sarà difficile ma dopo la tragedia si può solo migliorare. Il calcio italiano si guarderà allo specchio e risolverà i problemi, bisogna essere positivi. La Serie A è tra i campionati migliori del mondo, ma deve migliorare“.

Molto lucido il capitano quando parla della principale contendente allo scudetto, la Juventus. Hamsik non si nasconde, ma in prima fila vede ancora i bianconeri: La Juventus arriva da sei scudetti consecutivi ed è la squadra da battere. Noi però le siamo vicini o forse siamo allo stesso livello. Forse ci manca ancora qualcosina, ma vogliamo finalmente vincere questo scudetto. Ci manca ancora qualcosa di piccolo dal punto di vista mentale, fisico”.

Sul match di sabato, massima attenzione al Milan, che fin qui ha perso tutti gli sconti diretti, ma che vuole invertire questa tendenza al San Paolo: “Dovremo stare attenti, anche se la classifica dice altro – avverte Hamsik – i rossoneri restano fortissimi e ci metteranno in difficoltà. Dovremo essere pronti e reagire, giocando come stiamo facendo da inizio campionato”. 

Potrebbe anche interessarti