Così si preparano a Napoli-Juve: cori razzisti ai napoletani allo Juventus Stadium

Ieri, durante il posticipo della 14esima giornata di Serie A, Juventus-Crotone, vinta dai bianconeri, si è assistito per l’ennesima volta, a uno degli spettacoli più indegni e antisportivi di sempre: cori razziati contro i napoletani.

Infatti sarebbero stati proprio i tifosi della Curva Sud, che durante la ripresa hanno intonato offese di questo tipo: “Vesuvio lavali con il fuoco”, “Noi non siamo Napoletani”, “Chi non salta è Napoletano” e in conclusione, a gran voce “Odio Napoli”.

È così quindi che la parte più becera della tifoseria bianconera si prepara alla sfida al vertice della Seria, un match che potrebbe rivelarsi decisivo a fine stagione in un campionato che si basa su una differenza di punti minima.

La faccenda dei cori è una vergogna con la quale il calcio italiano deve ancora fare i conti, una questione rinviata più volte e declassata a semplice sfottò, “discriminazione territoriale” punita con ammende ridicole per le società. Dall’estero ci guardano con stupore, una meraviglia che però fa meraviglia, visto lo stato pietoso in cui versa il movimento calcistico italiano.

Venerdì ci sarà Napoli-Juventus, e da queste premesse, il clima sarà calco e incandescente!

Potrebbe anche interessarti