Pistocchi al vetriolo: “Tifosi che augurano la morte devono essere emarginati”

Maurizio Pistocchi, da sempre in prima linea nella difesa del Napoli e dei napoletani, soprattutto per la questione dei cori razziali e discriminatori , e delle punzecchiate acide della Juve e dei suoi tifosi, ultimo il caso “Mertens a Crotone” riguardo alla presunta irregolarità in area commessa dal napoletano non sanzionata e punita con un calcio di rigore dal direttore di gara, oggi ritorna a parlare del Napoli, o meglio di coloro che si sono resi protagonisti di insulti indecenti a Verdi, criticandoli aspramente.

Ecco quanto si legge dal suo profilo personale di Tweeter:

Tifosi che insultano i calciatori per un trasferimento, augurano la morte a bambini e giornalisti. Questa gente non può e non deve avere spazio nella società civile, la parte sana della tifoseria deve emarginarli”.

Parole giuste quelle dell’opinionista, alle quali tutti i tifosi veri devono palesare condivisione e apprezzamento. Nell’immagine che Pistocchi allega, oltre a Verdi, giocatore preso di mira da insulti da parte di una piccola parte dei tifosi napoletani per il suo netto rifiuto a trasferirsi al Napoli, spuntano anche i volti di Gonzalo Higuain e Bonucci.

Il primo, che dopo tre anni a Napoli, decise nel 2016 di trasferirsi alla Juve e per tale motivo venne preso di mira dai suoi ex tifosi, sia per la scelta discutibile di trasferirsi a Torino, soprattutto per l’ancestrale rivalità tra le due tifoserie e soprattutto per aver portato ad adempimento il tutto, in maniera celata e subdola, cogliendo di sorpresa tutti.

Il secondo caso, quello di Leonardo Bonucci, che dopo 7 anni in casa Juve, quest’anno ha deciso di trasferirsi al Milan e per tale motivo è stato umiliato e denigrato via social, da tifosi juventini che, in maniera barbara e cattiva si sono scagliati sul figlioletto malato del calciatore, augurandogli “che gli tornasse il cancro”.

Questo non è calcio e neanche umanità. E queste meschinità devono essere sempre denunciate e condannate.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più