Il Napoli espugna Bergamo, ma per la stampa: “Passa con un goal in fuorigioco”

 

E anche il tabù o, perchè no, bestia nera Atalanta è stata affrontata, combattuta e abbattuta.

Ieri il Napoli, con fatica, soprattutto nel primo tempo, in cui all’aggressività feroce degli azzurri in azioni offensive corrispondeva, uguale ed opposta, la reattività difensiva di un’ Atalanta davvero agguerrita e a tratti cattiva, sempre ad un livello calcistico, è riuscito a bonificare con pazienza, concentrazione e tecnica la paludosa situazione di pareggio, con un meraviglioso goal di Mertens, che dopo ben 9 partite a stecchetto, è ritornato al buffet di reti con la magnificenza tecnica di un grande campione, che in realtà non ha mai perso l’appetito.

Ma nonostante l’evidente predominio azzurro e la meritatissima vittoria, inevitabile per rendere giustizia ad una compagine azzurra che c’ha messo testa e cuore in un campo insidioso e difficile, non sono mancate le critiche e le polemiche per sporcare con dubbi e riserve una vittoria pulita e soprattutto regolare.

Infatti, nelle edizioni odierne di Tuttosport e della Gazzetta dello Sport, dietro i dovuti riconoscimenti ovvi di una miglior gestione della gara del Napoli rispetto ai bergamaschi, entrambi i giornali sottolineano la dubbia regolarità della rete di Mertens, in apparente fuorigioco, nonostante l’arbitro abbia decretato a tutti gli effetti la regolarità, evitando anche di ricorrere al Var.

Eppure TuttoSport, fa di questa dubbia e subito dissipata incertezza, un titolo da prima pagina: “Il Napoli a Bergamo passa con un goal del belga in fuorigioco non visto”. Mentre la Gazzetta dello Sport evidenzia la presunta irregolarità dell’azione di Mertens, arrivando a riaprire la questione Var: Mertens punisce Berisha. Il belga, però, sembra avere (la certezza non c’è perchè la telecamera non è in linea) un piede oltre la linea del fuorigioco: il guardalinee è un uomo, quindi è lecito che non se ne accorga. E la Var si astiene proprio perchè manca la certezza assoluta che Mertens sia in posizione irregolare. Questione di centimetri…quindi speriamo che la tecnologia faccia altri progressi e che il protocollo si adegui in modo da dissipare sempre ogni dubbio almeno sulle situazione oggettive di fuorigioco”.

Di certo da tutto questo ricaviamo due conseguenze importanti: in primis dovunque vada, dal Nord a Sud, da Crotone a Bergamo, il belga fa sempre parlare di se, a volte anche senza ragioni evidenti. In secundis, il goal regolarissimo annullato ad Hamsik, quasi al termine della gara, ne vogliamo parlare?

Potrebbe anche interessarti