Sarri e l’addio al Napoli: “Vi spiego perché me ne sono andato”

Foto: Chelsea FC, account Twitter

Il Chelsea ha presentato ufficialmente Maurizio Sarri. L’ex allenatore del Napoli ha risposto in Italiano alle domande dei giornalisti, promettendo però di riuscire a farlo in Inglese nel giro di due settimane. Tanti i temi toccati, tra cui il mercato e il gioco: il comandante ha dichiarato che proverà a proporre un gioco spettacolare anche in Inghilterra, dove però il campionato è più difficile.

Non poteva mancare una domanda sui motivi dell’addio al Napoli, determinato da un burrascoso rapporto con il presidente Aurelio De Laurentiis:

Non so cosa devo fare per tenere il mio posto, voglio divertirmi e avere una squadra competitiva. A Napoli ci sono riuscito, spero anche qui. Spesso è più più bello giocare bene, divertire i tifosi e non vincere piuttosto che il contrario, ma ovviamente spero di vincere qualche trofeo. A Napoli ho lasciato un ottimo ricordo dei tifosi e di tutta l’esperienza, li amerò per sempre.

C’è stata qualche incomprensione con il presidente, ma mi si è spezzato il cuore a lasciare gli azzurri. Se ci siamo lasciati male con la società vuol dire che ci sono stati errori da entrambe le parti. De Laurentiis ha interpretato male i miei silenzi che erano frutto di incertezza di chi aveva il cuore straziato a pensare di lasciare.

Sarri ammette quindi di avere delle colpe nella rottura del rapporto con il patron del Napoli, colpe che però andrebbero condivise proprio con De Laurentiis.

Potrebbe anche interessarti