Sarri: “Vittoria dedicata ai napoletani. La Juve? La professione ti fa fare delle scelte”

Sarri non dice no alla Juventus. L’allenatore del Chelsea, intervistato da Sky ieri dopo il trionfo in Europa League, non conferma le voci che lo vorrebbero come successore di Massimiliano Allegri, ma non chiude la porta a un futuro in bianconero.

Prima di tutto ha dedicato la vittoria ai tifosi del Napoli: “È una vittoria che voglio dedicare ai tifosi napoletani perché è una gioia che a loro non sono riuscito a regalare”. Il riferimento è evidente e riguarda soprattutto lo scudetto sfiorato e non raggiunto nella stagione del record di 91 punti.

La sorpresa però è arrivata quando gli è stato chiesto del suo futuro: “I napoletani sanno benissimo l’amore che provo per loro. Il rispetto da parte mia l’avranno sempre, per questo ho scelto di andare all’estero appena finita l’esperienza a Napoli. Ma la professione ti porta anche a fare altri percorsi. Questo non cambia il mio rapporto con i tifosi e la città”.

Maurizio Sarri ha dichiarato che gli accostamenti a Roma e Milan prima, alla Juventus poi, le ha lette soltanto sui giornali. Lui non ne sapeva nulla. Non aver categoricamente chiuso a un futuro a Torino però è stata una doccia fredda per i tifosi, soprattutto per i sarristi, quelli più legati al Comandante.

Potrebbe anche interessarti