Morte mister De Lella, Cannavaro: “Grazie a te passai in difesa. Hai cambiato la mia vita”

Napoli e il Napoli piangono la scomparsa di Riccardo De Lella, storico allenatore del settore giovanile azzurro. Mister De Lella ne ha visti di passare tanti di giovani talenti e ne ha coltivato il carattere e la loro bravura sul rettangolo di gioco. Li ha plasmati e ne ha capito le capacità balistiche, tanto da influenzarne la carriera futura.

E non lo ha fatto con gente qualsiasi ma, con un Pallone d’Oro come Fabio Cannavaro. E’ lo stesso ex capitano della nazionale campione del Mondo a spiegare – sui propri social – cosa sia stato Riccardo De Lella per la sua persona e la sua carriera.

Mister De Lella, fai buon viaggio. Ricordo quando prima di una partita del campionato allievi nazionali 89/90 contro l’Avellino, cambiasti la mia posizione da centrocampo in difesa, dando così iniziò alla mia carriera da difensore. GRAZIE a nome di tutti quei SCUGNIZZI che hanno avuto la fortuna di essere stati allenati da te. Ci mancherai grande MAESTRO“.

 

Ma Cannavaro non è l’unico campione ad essere passato sotto le mani di De Lella, anche il suo predecessore Ciro Ferrara ha iniziato la sua carriera con lui. E anche Ciro ha voluto dedicare al mister un ultimo pensiero.

Affondo in un vortice di tristezza. Mi addolora aver perso una persona preziosa, significativa sia per quel ragazzino che ieri cresceva, sia per l’uomo che oggi sono diventato. Mister, quanta strada ho fatto grazie a Lei, gliene sarò eternamente riconoscente. Rivivo i più bei ricordi che ci legano: la mano forte e rassicurante sfiora la mia spalla, lo sguardo severo e paterno mi guida, mentre risuona nello spogliatoio la voce inconfondibile: “Stu cazz’e guaglione”. Ci mancherà“.

 

Lo stesso Napoli si è stretto intorno al dolore della famiglia con un messaggio sulla propria pagina Twitter: “La SSC Napoli si unisce al dolore della famiglia De Lella per la scomparsa del caro Riccardo, storico allenatore del settore giovanile azzurro“.

 

Potrebbe anche interessarti