Di Mertens l’ultimo gol in Champions in casa: oggi potrebbe essere allo stadio

mertens ciro

Stasera andrà in scena la grande sfida d’esordio in Champions League del Napoli contro il Liverpool alle ore 21. E probabilmente ci sarà un ospite d’eccezione: Dries Mertens, come si evince della stories pubblicate dalla moglie Kat su Instagram, è tornato nella sua casa a Napoli e stasera potrebbe assistere al Maradona alla partita.

Dries Mertens al Maradona per Napoli-Liverpool

Ciro Mertens, passato questa estate al Galatasaray, potrà finalmente ricevere il saluto che meritava. Non c’è stata infatti l’occasione giusta per dire grazie al campione belga durante l’ultima partita casalinga, dato che si parlava ancora di un possibile rinnovo. Un’opportunità unica per il tifo azzurro per ricordare il suo infinito amore nei confronti del miglior marcatore della storia del Napoli. Anche se i cartelloni in città con la scritta “Cia’ Ciru'”, già hanno dimostrato tutto.

Mertens come portafortuna: suo l’ultimo gol in Champions in casa

Inoltre, Mertens è stato l’ultimo marcatore in Champions League in casa degli azzurri. Il 25 febbraio 2020, poco prima della pandemia che ha costretto gli stadi a chiudere, Ciro siglò il meraviglioso gol del momentaneo 1-0 contro il Barcellona, agli ottavi. In panchina sedeva Gattuso e la partita terminò 1-1.

La sua presenza potrebbe essere un portafortuna per i partenopei quindi. Uno sguardo il suo che potrebbe infondere fiducia a Osimhen e compagni. La sfida è complicata, e un amuleto in più non guasta mai. Anche se il Liverpool di Klopp stenta in campionato (solo 2 vittorie in 6 partite), resta la squadra che ha conquistato 3 finali nelle ultime 5 edizioni della UCL. I precedenti in casa però sorridono al Napoli. Nelle stagioni 2018/2019 e 2019/2020 il Napoli ha battuto il Liverpool in entrambe le occasioni (1-0 e 2-0), tenendo la porta inviolata. Era però una squadra con più esperienza e collaudata.

Ora il Napoli ha giocatori giovani ma talentuosi e si affiderà ancora una volta a giocate corali, ma anche singole, come quelle di Kvaratskhelia. La spinta del Maradona dovrà essere potente. E gli azzurri avranno il portafortuna Mertens seduto in tribuna come arma in più. Perché si torna sempre dove si è stati bene.


Potrebbe anche interessarti