Inter-Napoli, vivere o morire per Mazzarri. Azzurri per diventare grandi

MazzarriVsBenitez

Dopo la sosta per i match di qualificazione a Euro2016, ritorna il campionato di Serie A e ritorna anche il Napoli.I partenopei saranno di scena questa sera, alle ore 20:45 a San Siro, per la settima di campionato contro l’Inter.
Nella settimana di sosta, si è parlato di un contatto tra il presidente De Laurentiis e uno sceicco qatariota per la cessione della società azzurra. La notizia non è stata smentita e si crede possa essere confermata in occasione del match di Supercoppa del Napoli contro la Juventus il 22 dicembre, proprio in Qatar.

Chiacchiere a parte, i ragazzi di Rafa Benitez hanno ripreso gli allenamenti a Castelvolturno martedì, dopo due giorni di riposo, privi degli stranieri impegnati con le rispettive nazionali ritornati solo il giovedì. In questi giorni, il tecnico spagnolo avrà sicuramente avuto la possibilità di osservare la sua rosa in modo da prendere le sue decisioni riguardo la formazione che scenderà in campo contro l’11 nerazzurro. Sicuramente ci sarà da fare a meno di Walter Gargano, unico assente, sottoposto ad un intervento chirurgico nel pomeriggio di venerdì per una frattura allo zigomo, che lo renderà indisponibile per almeno un mese. Probabile quindi sia sostituito da David Lopez, che andrà ad affiancare lo svizzero Gokhan Inler.Recuperato invece Hamsik, assente nel 2-1 contro il Torino a causa di una tonsillite e che adesso è pronto a ritornare alle spalle di Higuain.

Ad Appiano Gentile, anche l’Inter si prepara per la partita di domenica. L’ex trainer azzurro Mazzarri ha ripreso a dirigere l’allenamento della sua squadra giovedì, dopo un attacco influenzale che l’aveva bloccato in infermeria il giorno precedente. I nerazzurri, reduci da una sconfitta per 3-0 in casa della Fiorentina, sono al centro di numerose polemiche per i risultati altalenanti di inizio campionato. Riguardo all’argomento, il presidente indonesiano Thohir si dice fiducioso nei confronti del suo allenatore e dei ragazzi e domenica sarà allo stadio per la partita. A differenza del tecnico azzurro, Mazzarri ha parecchi calciatori indisponibili: dopo lo stop degli esterni Jonathan e D’Ambrosio, anche per Campagnaro c’è qualche problema. Nagatomo, invece, nonostante un fastidio al polpaccio, potrebbe essere ugualmente protagonista del match. In dubbio c’è anche Kovacic, che durante la partita con la sua nazionale, è stato costretto a lasciare il campo in anticipo.

All’entusiasmo del presidente nerazzurro, risponde Lorenzo Insigne che ha parlato venerdì mattina a radio Kiss Kiss:”Non credo alla crisi dell’Inter”. Ha continuato poi, elogiando il suo ex allenatore e il suo prossimo avversario:“Hanno grandi campioni ed un allenatore bravissimo che conosciamo bene e che sa dare tanti stimoli alla squadra. E’ una partita tra due squadre forti che si rispettano, per questo dobbiamo dare il meglio per poter allungare la striscia positiva“.

Questo match sarà occasione di incontro per diversi ex, ma soprattutto per Mazzarri che ritroverà quasi tutti i calciatori che hanno reso speciale il suo quadriennio a Napoli.
Il match sarà arbitrato da Orsato di Schio che è alla nona stagione in A.
Le probabili formazioni:

Inter: Handanovic; Ranocchia, Vidic, Juan Jesus; Nagatomo, M’Vila, Medel, Hernanes, Dodò; Palacio, Icardi.

Napoli: Rafael, Maggio, Albiol, Koulibaly, Britos; David Lopez, Inler; Callejon, Hamsik, Insigne; Higuain.

L’ultima vittoria degli azzurri a San Siro è quella di 0-3, datata 1 ottobre 2011, con le marcature dell’ex Campagnaro, Maggio e Hamsik. Per l’Inter invece, l’ultima vittoria è stata quella del 9 dicembre 2012 per 2-1.
Nei 74 match giocati a San Siro, solo 8 sono stati vinti dal Napoli, 50 dall’Inter e 16 sono stati i pareggi.
Domenica 19 ottobre alle ore 20:45, davanti alla tv o allo stadio, tutti a tifare Napoli e… che vinca il migliore! (che spesso non è chi merita davvero la vittoria, ma chi segna di più !)

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più