“Odi et Amo”. I top player del Napoli fischiati per troppo amore?

Cavani-higuain

Napoli è una grande città, su questo non ci sono dubbi, e com’è giusto che sia nel corso degli anni è riuscita a riottenere una grande squadra di calcio, degna di rappresentare la città della quale porta il nome.

Dopo tanti anni passati a ricostruire la società, a riparare gli errori, a lottare per riemergere dalla massa e tornare alla tanto ambita Seria A, il club partenopeo è finalmente riuscito ad essere considerato nuovamente uno dei club più prestigiosi e di conseguenza, indossare la maglia azzurra del Napoli è diventato un onore per molti calciatori. L’azzurro insomma oggi dona anche ai grandi campioni e sapere che il club vuole vestire un talento con quel colore è gratificante, però c’è da dire che il Napoli soffre di un grande “difetto” con il quale, chi viene adottato dal club partenopeo, prima o poi, dovrà fare i conti: la contestazione dei tifosi napoletani.

Senza alcuna vergogna dobbiamo ammettere che i napoletani sono tifosi che vivono fortemente ogni emozione, ogni più piccolo successo viene decantato come un’impresa titanica ed ogni più piccolo errore diventa una cocente delusione, a Napoli si può passare dalle stelle alle stalle facilmente, ma questo senza mai dimenticare chi ha sudato e onorato la maglia azzurra.

I top player che nella storia recente del Napoli possiamo annoverare sono senza dubbio il “Matador” Cavani ed il suo successore, il “Pipita” Higuain, ed entrambi hanno dovuto fare i conti con il sentimento di odio-amore che contraddistingue il pubblico napoletano. L’uruguaiano è stato uno dei calciatori più proficui che il club azzurro abbia mai ospitato, i numeri di Cavani sono da capogiro ed il suo talento nel Napoli indiscusso, eppure il San Paolo soffre ancora per il suo addio e lo ha dimostrato in occasione della partita contro il PSG quando, invece di acclamare Cavani, dagli spalti arrivarono sonori fischi che lasciarono senza parole il Matador.

Eppure l’amore che i tifosi provano per Cavani è ancora enorme e non sono pochi quelli che lo vorrebbero vedere ancora in azzurro; quei fischi furono solo lo sfogo di un pubblico che avrebbe voluto vedere ancora la rabbia e la grinta agonistica del Matador al servizio della causa azzurra. Oggi invece a dover fare i conti con il “difetto” dei napoletani è Gonzalo Higuain. Il Pipita quest anno è stato acclamato ed amato, ed è riuscito a guadagnarsi un posto nel cuore dei napoletani accanto ad Edinson Cavani ma alla fine i fischi sono arrivati anche per lui e dopo alcune prestazioni sottotono arriva la cocente delusione contro il Dnipro, così al suo ingresso in campo contro il Cesena invece dell’ovazione arrivano i tanto temuti fischi.

L’atteggiamento del San Paolo è senza dubbio difficile da digerire e può talvolta essere frainteso ma le critiche nascano dal cuore, i fischi sono lo strumento utilizzato dal famoso “dodicesimo uomo” per spronare il campione a ritrovare se stesso e questo Lorenzo Insigne lo sa bene.  Sembra essere questo il destino dei top player del Napoli, costantemente messi alla prova dalle contestazioni di chi troppo ama.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più