Colantonio: “Abominevole il Liguori vuoto”. Fabiano: “Senza tifosi il calcio non ha senso”

Seconda vittoria consecutiva per la Turris. Gli uomini di Fabiano hanno battuto 3-1 l’Acireale tra le mura amiche del Liguori, quest’oggi chiuso al pubblico per motivi di ordine pubblico. Nonostante l’assenza del tifo sugli spalti, i corallini hanno sostanzialmente meritato la vittoria, nonostante un inizio di secondo tempo di difficoltà.

Sugli scudi, un immenso Fabio Longo, autore di una doppietta e di un euro gol che, ne siamo certi, avrebbe fatto impazzire i tifosi corallini, quest’oggi assenti. E proprio sulla decisione del Prefetto di chiudere lo stadio ha parlato il presidente della Turris Antonio Colantonio: “Spalti vuoti, di chi la colpa? Non parliamo di colpe – spiega il patron – cerchiamo di trovare delle soluzioni, che è la cosa migliore. Oggi c’è stata una mortificazione per il calcio, per lo sport. Vedere il Liguori vuoto è qualcosa di abominevole. Non mi sento soddisfatto, nonostante la bella vittoria ed i gol segnati oggi. Non ho potuto regalare la giusta gioia ai tifosi di questa città, che è già molto mazzolata“.

Prosegue: “Un provvedimento che è arrivato di sabato, che non mi ha permesso di difendermi. Nonostante ci abbiano tolto questo pubblico, neanche spezzati ci fermeremo. Per non farci fare risultato, la prossima volta dovranno toglierci i palloni. 200 biglietti ed oltre richiesti da Acireale? Assolutamente no. Non voglio fare polemiche – prosegue il presidente della Turrisabbiamo un pubblico irreprensibile che ha avuto qualche scaramuccia con alcune tifoserie, ma a livello molto tenue. Cerchiamo di mantenere i buoni rapporti con la tifoseria, le forze dell’ordine e, come già detto, di trovare delle soluzioni“.

Queste, invece, le dichiarazioni del mister della Turris, Franco Fabiano: “Brutto giocare senza il nostro pubblico. Il governa nel calcio deve fare qualcosa. E’ impossibile giocare in casa senza pubblico, sebbene fosse impedita la trasferta ai tifosi ospiti. Il calcio dilettantistico deve dare una regolata a quelle persone che non c’entrano niente con questo sport e danneggiano una città intera. E‘ facile chiudere gli stadi, ma così non ha senso. A questo punto togliamo tutto il calcio dilettantistico in Italia. Probabilmente chi è chiamato a decidere non sa cosa è il calcio, cosa trasmette e cosa comporta per gli appassionati”.

Sulla gara: “Abbiamo giocato contro una squadra fortissima. Per 10 minuti del secondo tempo siamo stati un po’ in difficoltà, poi Longo ha fatto un gran gol che per lui è normale. Ma, per quanto creato, potevamo fare anche 7 o 8 gol. Faccio i complimenti ai miei ragazzi, che sono stati sempre in partita, nonostante l’assenza del pubblico. Esempio e Fabiano? Stanno facendo partite che io mi aspetto facciano. I giovani mi soddisfano, l’ho già detto. Mi piace soprattutto la loro personalità. Cunzi? Non stava bene, fino a venerdì non doveva esserci. Addessi? Mi è piaciuto, ha dato tecnica e vivacità. E’ un’altra freccia importante che ho a disposizione in questo momento“.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più