Video. Napoli piena di turisti, ma al Rione Traiano chiudono le scuole

ciro barone scuola catone rione traiano

Ciro Barone vive nel Rione Traiano, famigerato più che famoso rione di Napoli, soprattutto a causa della presenza mediatica nazionale, la quale arriva lì solo quando si tratta di episodi di morte o di criminalità. Stavolta, però, dal Rione arriva un video: Ciro ne è l’artefice e non si tratta di un reportage di violenza, ma di una richiesta di emancipazione attraverso l’istruzione, la cultura e l’educazione, le quali per il giovane rappresentano “il primo step” nella lotta al degrado.

Al centro del video la scuola materna Catone, situata nel cuore del Rione Traiano. A detta di Barone e degli abitanti del posto questa scuola si sta dirigendo verso la chiusura. Il numero delle iscrizioni viene fortemente limitato e già una sezione è stata eliminata. Secondo i genitori del posto c’è l’intenzione comunale di chiudere le porte della scuola, la quale, come osservano le giovani madri delle palazzine, funziona molto bene e le maestre sono delle seconde madri, prendendosi cura dei bambini “in tutto e per tutto”.

La promessa delle madri di Ciro barone è di occupare l’edificio qualora, entro fino la fine di questo mese, non si prendessero provvedimenti seri circa le attività scolastiche, che devono ritornare nella norma. Come testimoniano i cittadini, infatti, il secondo turno (quello pomeridiano) è stato soppresso per la mancanza di personale.

Pertanto, la gente del Rione chiede l’assunzione di nuovo personale, il ripristino del turno secondario e l’accettazione di nuove iscrizioni. Perché vogliono chiudere la scuola?  È la domanda dei residenti. Domanda che porgono alle istituzioni, le quali continuano a ripetere che “Napoli è piena di turisti”… ma questo non serve ai bambini di Soccavo, i quali hanno bisogno di precise linee guida per crescere in  modo sano e con la presenza istituzionale.

I turisti, del resto, restano recitanti nel centro città, laddove l’arte li culla e il vicolo antico li fa assaporare la storia randagia. Tutt’altro mondo è la periferia con le sue verità.

Potrebbe anche interessarti