Napoli, riapre il cantiere della Metro di Monte Sant’Angelo: ecco come cambieranno le linee

stazione-metro-santangeloCon enorme ritardo sulle scadenze previste, riapre il cantiere della Metro di Monte Sant’Angelo. Nel 2021, la linea 7 della metropolitana sarà attiva fino alla stazione di via Terracina. I lavori erano stati interrotti nel 2011 ma, assicura la Regione Campania, adesso ci sono i fondi necessari per portare a termine quest’opera. Ieri mattina, il presidente Vincenzo De Luca ha dato il nuovo avvio dei lavori, accompagnato da Gabio Lucioli, ingegnere della Infraflegrea Spa che è incaricata dei lavori.

La stazione ospiterà, al suo interno, le opere di Anish Kapoor, in linea con altre stazioni della metropolitana di Napoli, vere e proprie gallerie d’arte. Ma, in concreto, in cosa consiste il progetto? L’idea è quella di creare un collegamento tra le ferrovie della Cumana e Circumflegrea e la nuova linea 6: una linea che metta in comunicazione le stazioni di Mostra e Soccavo, attraverso il Rione Traiano e Fuorigrotta.

I lavori che riguardano il collegamento tra Soccavo e Monte Sant’Angelo sono già a buon punto: “La galleria è pronta – ha spiegato Lucioli – ora bisogna completare gli impianti elettrici e meccanici, la posa dei binari e gli impianti di stazione e poi posizioneremo le opere del progetto Kapoor. Un’opera verrà posta qui e l’altra alla stazione tra via Cinthia e Viale Traiano“. Solo nel 2021, come detto, i lavori saranno ultimati. Una vera e propria manna dal cielo per migliaia di studenti costretti ad arrivare a Monte Sant’Angelo attraverso bus affollati o a piedi. Una buona notizia anche per i residenti, ormai rassegnati all’abbandono di queste opere, diventate delle discariche a cielo aperto.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più