Napoli, nascerà un Museo del Porto: storie di mare e una terrazza bar sul Golfo

Foto di tropp art Sas (pagina Facebook)

I Magazzini generali del Porto di Napoli, novemila metri quadri al centro di mille progetti negli scorsi anni, finalmente diventeranno il fulcro del rilancio dello scalo marittimo. Nell’edificio abbandonato nascerà un polo museale che raccoglierà le testimonianze della storia marittima napoletana e quelle sull’emigrazione. Per ora è solo un progetto, ma un progetto che gode di molti consensi, circa 38 adesioni: da Umberto Masucci presidente del Propeller, a Confindustria, dagli armatori ai rappresentanti di Comune e Regione.

I Grandi magazzini, scrive il Corriere del Mezzogiorno, diventerebbero la sede ideale anche di molti reperti trovati negli scavi del metrò, come le navi romane rinvenute a Piazza Municipio. “L’istituzione di un Museo del Mare colmerebbe una colpevole lacuna e rappresenterebbe un polo di attrazione culturale e turistico – spiega l’incipit del progetto, curato da Gennaro Matacena – Ci sono novemila metri quadrati in cui allocare il polo del mare e dell’emigrazione. Parte di essi però è destinata ad attività economiche che dovrebbero creare reddito e quindi far autofinanziare il museo. Come un polo dello shopping, locali e bar”. 

Sarebbe prevista, inoltre, una terrazza sul Golfo. C’è già il sì della Soprintendenza.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più