Salvini infuriato dopo il comizio annullato: “A Napoli non comanda lo Stato”

Matteo Salvini

Dopo il rifiuto da parte della Mostra d’Oltremare ad accogliere il comizio di Matteo Salvini, la risposta del leader della Lega non si è fatta attendere. Nello sfogo rilasciato su Facebook e Twitter si è mostrato indignato del fatto che la protesta di napoletani e centri sociali cittadini sia riuscita ad annullare il suo intervento. In nome di una presunta libertà violata si è scagliato contro le istituzioni che non hanno impedito la protesta ed a promesso che comunque domani ci sarà.

“A Napoli non comanda lo Stato, ma i CENTRI SOCIALI??? – scrive furente – Vogliono impedirmi di fare un incontro pubblico, con migliaia di persone già prenotate, costringendo la Fiera a disdire il contratto. Il problema di Napoli sono i Leghisti, non clandestini e camorristi? Sindaco, questore, prefetto e governo, non dite niente? Intellettuali, buonisti, democratici e pacifisti, non dite niente? DOMANI A NAPOLI CI SARÒ, come previsto, alle 17 alla Mostra d’Oltremare. La Libertà prima di tutto. Vi aspetto, con il sorriso.”

I commenti sotto il post si dividono fra chi appoggia ciecamente il leghista offendendo come al solito noi meridionali, napoletani che offendono altri napoletani per la scelta e, invece, napoletani che non dimenticano razzismo, cori, offese e parole del leader e rispondono con un bel “Cosa ti aspettavi?”.

Potrebbe anche interessarti