Benevento. Li picchiava e li chiamava “ritardati mentali”: sospesa maestra violenta


Picchiava i bambini e li offendeva chiamandoli “ciucci“, “cretini“, “stupidi” o addirittura “ritardati mentali“. Con queste accuse una maestra di una scuola di Amorosi (Benevento), in Campania è stata sospesa dal lavoro e dall’insegnamento per un anno.

Si tratta di una misura interdittiva per la donna, 51 anni, colpita dal provvedimento del Tribunale di Benevento. Le indagini sono partite da una denuncia dei genitori, i bambini coinvolti nelle violenze appartengono a due classi gestite dalla maestra. L’inchiesta, però, continua per capire quante volte è successo.

Potrebbe anche interessarti