Maria Rosaria è la prima tassista disabile di Napoli: a lei la patente contro le discriminazioni

Maria Rosaria Malapena, 37 anni, affetta da tetraparesi spastica è la prima autista disabile di Napoli: ha ottenuto il titolo di “Social Car Driver – Contro le discriminazioni” rilasciato dal Comune di Napoli. La cerimonia si è svolta oggi nella Sala Giunta di Palazzo San Giacomo, alla presenza della senatrice Monica Cirinnà e degli assessori Daniela Villani e Mario Calabrese.

Dal 2008 Maria Rosaria si batte per veder riconosciuto il suo diritto alla patente speciale. Un titolo onorario più simbolico che operativo visto che Maria Rosaria non intende fare la tassista ma che le consentirà di offrire passaggi, come qualsiasi tassista, agli utenti che la conoscono e hanno voglia di sostenere la lotta alle discriminazioni verso le persone disabili, come è già accaduto per ben due volte in occasione delle visite della senatrice Monica Cirinnà.

Entusiasta ha commentato: “Sono felice di ricevere per prima il titolo di Social Car Driver contro le discriminazioni. Mi ritengo fortunatissima, ho avuto l’amore e la forza di mia madre che mi ha permesso di arrivare al conseguimento della patente B speciale, purtroppo ci sono persone meno fortunate e io spero di aiutare chi è costretto a una vita più limitata, ad ottenere maggiori spazi di libertà e autonomia. Ringrazio il Comune di Napoli, il Sindaco de Magistris, gli Assessori Villani e Calabrese, la senatrice Cirinnà e il direttivo arcigay Napoli, di cui sono parte, per avermi dato tanta fiducia”.

Orgogliosa tutta la sezione partenopea di Arcigay: “Libertà è partecipazione, il titolo onorario riconosciuto a Maria Rosaria dal Comune di Napoli è molto più di un’azione simbolica, è il riconoscimento da parte delle istituzioni di un nuovo percorso di collaborazione perché ci siano sempre più strumenti di libertà e sempre meno barriere e muri”, ha affermato il presidente Antonello Sannino. Gli fa eco Claudio Finelli: “Se la cultura è quello strumento che scardina l’immaginario collettivo offrendo nuove prospettive di elaborazione intellettuale e politica, il titolo di Social Car Driver a Maria Rosaria Malapena è un atto concreto e rivoluzionario nel panorama locale e italiano”.

 

Potrebbe anche interessarti