Omicidio Ruggiero, la madre: “Ciro venne a trovarmi tra le lacrime, mi disse che…”

Dolore e rabbia, ad Aversa e Parete, per la morte feroce di Vincenzo Ruggiero, il 25enne ucciso, fatto a pezzi e nascosto in un box di Ponticelli. La vicenda assume ogni giorno contorni umani più tristi. La madre di Vincenzo, infatti, ha rivelato che l’assassino del figlio, Ciro Guarente, le ha fatto visita dopo la scomparsa del ragazzo, cercando di rassicurarla: “Ciro è venuto a casa insieme ad Heven e lui, tra le lacrime, mi disse che Vincenzo era vivo e stava bene. Poi mi salutò con abbracci e baci”.

Un particolare inquietante, che dimostra la lucidità e la malvagità del 35enne ex militare: “La cosa che gli rimprovero di più – continua la madre ai microfoni del Tg3 Campania – è che non mi ha permesso di vedere mio figlio un’ultima volta, tutto intero, per dargli una degna sepoltura”.

Intanto, le indagini continuano. Gli inquirenti sono convinti che Guarente non abbia agito da solo: si cercano eventuali complici o favoreggiatori.

Potrebbe anche interessarti

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima o terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy