Omicidio Ruggiero, la madre: “Ciro venne a trovarmi tra le lacrime, mi disse che…”

Dolore e rabbia, ad Aversa e Parete, per la morte feroce di Vincenzo Ruggiero, il 25enne ucciso, fatto a pezzi e nascosto in un box di Ponticelli. La vicenda assume ogni giorno contorni umani più tristi. La madre di Vincenzo, infatti, ha rivelato che l’assassino del figlio, Ciro Guarente, le ha fatto visita dopo la scomparsa del ragazzo, cercando di rassicurarla: “Ciro è venuto a casa insieme ad Heven e lui, tra le lacrime, mi disse che Vincenzo era vivo e stava bene. Poi mi salutò con abbracci e baci”.

Un particolare inquietante, che dimostra la lucidità e la malvagità del 35enne ex militare: “La cosa che gli rimprovero di più – continua la madre ai microfoni del Tg3 Campania – è che non mi ha permesso di vedere mio figlio un’ultima volta, tutto intero, per dargli una degna sepoltura”.

Intanto, le indagini continuano. Gli inquirenti sono convinti che Guarente non abbia agito da solo: si cercano eventuali complici o favoreggiatori.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più