Aggressione ad Arturo, identificato il quarto componente della banda

Potrebbe arrivare nei prossimi giorni se non nelle prossime ore, la svolta ufficiale nelle indagini sull’aggressione di Arturo, il ragazzo aggredito lo scorso 18 dicembre a coltellate senza alcun motivo, in via Foria a Napoli. La Polizia scientifica e la Squadra mobile del capoluogo campano sono infatti giunte alla identificazione del quarto componente della gang di minori che aggredirono il giovane. Un lavoro certosino, senza sosta quello messo in atto dagli agenti. Fatto di incroci e di sofisticate analisi tecniche delle immagini registrate.

Non solo le immagini hanno dato un impulso alle indagini, ma anche un importante “incrocio di dati” derivante dall’esame di alcuni profili Facebook. I primi profili ad essere esaminati sono stati quelli dei due giovanissimi indagati. Tali ricerche hanno riservato importanti conferme investigative.

Come riporta Il Mattino, lo stesso questore Antonio De Iesu, qualche giorno fa ha ribadito, che sul caso vi sono elementi importanti, concreti, capaci di far chiudere il cerchio intorno agli aggressori. “È un momento delicato delle indagini. Siamo riusciti ad individuare il nano”.

F.C., il 15enne della Sanità, considerato l’esecutore materiale della sanguinosa aggressione nonché il “capo” della gang, finito agli arresti ed attualmente detenuto nel carcere minorile di Airola con l’accusa di tentato omicidio. Per il resto, si procede con cautela.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più