Napoletani scomparsi, c’è un nuovo mistero: il giallo dei codici numerici

La vicenda dei tre napoletani scomparsi in Messico si arricchisce di un nuovo mistero. Il quotidiano locale “Proceso” ha reso note le dichiarazioni rese da Francesco Russo, parente dei tre dispersi, agli inquirenti messicani. Si apprende che agli ultimi messaggi vocali inviati via WhatsApp da Vincenzo Cimmino e Antonio Russo è seguita una telefonata della quale non era stata ancora data notizia.

In collegamento telefonico con Vincenzo, Francesco ascolta quello che sta succedendo. Si sentono voci in sottofondo. Il contenuto della conversazione è composto esclusivamente da una serie di numeri. Poi, Francesco chiude la telefonata. Secondo i media messicani quei numeri corrisponderebbero a chiavi della polizia locale. Lo stesso Francesco Russo, ospite alla trasmissione televisiva “Chi l’ha visto“, ha preferito non commentare il contenuto di questa telefonata.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più