Svelato il mistero dei dischetti in mare: sequestrato il depuratore di Paestum

Provenivano dall’impianto di depurazione di Capaccio-Paestum. Risolto, finalmente, il “mistero” attorno ai famosi dischetti di plastica, rinvenuti su gran parte delle coste tirreniche. Come riportato dall’Ansa, l’impianto è stato sottoposto a sequestro dalla Capitaneria di Porto di Salerno, su disposizione della Procura della Repubblica presso il tribunale.

Da quell’impianto sono fuoriusciti i dischetti di plastica, il cui nome tecnico è quello di “carrier”. Gli inquirenti sono concentrati, adesso, sullo scoprire le cause della fuoriuscita dei “carrier” e quale sia il livello inquinante del fenomeno. Da qui il sequestro dell’impianto che blocca il pericolo di ulteriori fuoriuscite.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più