Universiadi. Il Villaggio “di navi” forse alla Mostra d’Oltremare: le motivazioni

Napoli – Per le Universiadi del 2019 che si terranno nella città partenopea, le difficoltà e i problemi da risolvere sono ancori tanti. Gli interventi in programma mirano all’ acquisizione di servizi e alla riqualificazione dei centri indicati come scenario delle gare, per renderli sia più accoglienti che adatti alle varie competizioni. Per tale motivo la città di Napoli investirà tanti milioni di euro per evitare critiche, così che questo evento possa diventare occasione di rivalsa e di rivincita sociale e sportiva.

In particolare ieri si è avuto un incontro a Roma per discutere su quello che si potrebbe definire il fattore estetico della manifestazione e cioè dove allestire il villaggio delle Universiadi. Alla riunione hanno partecipato il commissario per le Universiadi, prefetto Luisa Latella, il vicepresidente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola, il capo di gabinetto del Comune di Napoli Attilio Auricchio, il presidente del Cusi, Lorenzo Lentini, i rappresentanti del Coni e i ministeri dello Sport, della Coesione territoriale e dell’Università.

Il tema del villaggio prevede l’esposizione di navi. E durante la riunione sono stati valutati i possibili disagi che si potrebbero verificare se queste navi venissero armeggiate alla Stazione Marittima di Napoli, creando caos per i “pendolari di mare” e soprattutto intasando ulteriormente il traffico. Per tale motivo la soluzione sarebbe quella di spostare il Villaggio marittimo alla Mostra d’Oltremare, utilizzando casette prefabbricate per le navi. Una possibilità che è ancora in una fase ipotetica in quanto a breve verranno valutati i soldi che dovranno essere investiti per concretizzare il tutto.

Di certo questa scelta potrebbe essere vantaggiosa. In quanto non creerebbe problemi alla circolazione, perchè la Mostra D’Oltremare è ubicata in una zona periferica della città e soprattutto è recintata e ben protetta, così da scongiurare qualsiasi tipo di atto vandalico.

Nelle prossime settimane si saprà di più.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più