Un Museo della Pizza a New York e non a Napoli: pizzaioli in rivolta

New York – Un Museo dedicato alla pizza aprirà a New York per due settimane il prossimo ottobre. La società di comunicazione di Brooklyn, Nameless Network, ha annunciato che lancerà il museo pop-up ‘MoPi’ dal 13 al 28 ottobre, in una location ancora da definire, ma non e’ detto che il periodo non venga esteso.

“L’idea – spiega il Wall Street Journal è di offrire ai visitatori una storia della pietanza che spopola nella Grande Mela, oltre a celebrare il ruolo della pizza nella cultura pop attraverso l’arte ed elementi interattivi. Come una “grotta di formaggio” in silicone – ha spiegato il Ceo della società, Kareem Rahma e una “pizza beach”, dove i visitatori sperimenteranno “un’enorme ondata di formaggio”. Il biglietto costerà 35 dollari e comprenderà anche una fetta di pizza, ma Rahma tiene a precisare che “non sarà un festival del cibo, sarà un museo”.

Una bella iniziativa, ma che lascia l’amaro in bocca a tutti i napoletani. E’ assurdo, infatti, pensare che un monumento alla pizza venga eretto negli USA e non a Napoli, dove la pizza è nata e dove, di nome e di fatto, ha la sua patria. Un’illogicità ancora più grave se consideriamo che “la pizza che spopola nella Grande Mela” non ha nulla a che vedere con quella realizzata dall’arte dei pizzaioli napoletani, tutelata come bene Unesco, tra l’altro.

“E’ assurdo che si pensi a un museo della pizza a New York e non a Napoli che è universalmente riconosciuta come la patria di uno dei cibi più amati e consumati al Mondo”. Lo hanno detto un gruppo di pizzaioli che, insieme al consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e allo speaker radiofonico Gianni Simioli, hanno deciso di mettere in campo una serie di iniziative per creare a Napoli un Museo della pizza.

Le iniziative previste, a cominciare da una petizione popolare, saranno illustrate domani, venerdì 4 maggio, alle 11.30, nel corso di una conferenza stampa che si terrà nella Casa della pizza in via dei Tribunali 32 a Napoli. Alla conferenza stampa saranno presenti Gino Sorbillo, Enzo Coccia, Alessandro Condurro e Antonio Starita, alcuni dei pizzaioli napoletani che hanno fatto conoscere nel Mondo le loro produzioni ottenendo anche il riconoscimento dell’arte dei pizzaioli napoletani nel Patrimonio immateriale dell’Unesco.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più