Giuseppe Conte nella bufera per il percorso di studi: la risposta dei 5 Stelle

Dopo il contratto di Governo, 5 Stelle e Lega, nelle persone di Di Maio e Salvini, hanno trovato anche il nome terzo che poi hanno proposto a Mattarella: quello del professore di diritto civile Giuseppe Conte. Il giurista, però, senza ancor ricevere alcun incarico istituzionale si ritrova già in un polverone mediatico.

Infatti, se dal suo curriculum, pubblicato sul sito della Camera dei Deputati, risulta aver “perfezionato gli studi alla New York University“, la stessa cosa non sembra risultare nell’ateneo della Grande Mela. Il giornalista Jason Horowitz, corrispondente dall’Italia del New York Times, con un tweet ha spiegato che nelle sue ricerche, su tale questione, si è rivolto all’università ed è risultato che Conte “non compare nei nostri archivi come studente o membro di facoltà“.

Non solo l’esperienza di New York, però, è nel mirino degli accusatori, ma anche quella di Vienna, con la giornalista Jeanne Perego che twittato: “Il prof. Giuseppe Conte ha perfezionato gli studi giuridici a Vienna, all’International Kulturinstitute. Che non esiste. Esiste, invece l’Internationales Kulturinstitute, che è una scuola di lingue

Altra imprecisione è stata individuata da Il Post che spiega come la partecipazione, sempre da curriculum, al Social Justice group, istituito presso l’Unione Europea, non sarebbe stata possibile visto che tale organo non esiste, o almeno sotto questa denominazione.

Le inesattezze hanno subito scatenato la bufera contro Conte, del quale è stata anche rimossa la pagina Wikipedia, con Partito Democratico e Forza Italia che si sono dati la mano e chiesto chiarezza al Movimento pentastellato che non fa tardare la sua risposta. Infatti, sul Blog delle Stelle è comparso un comunicato contro chi “ha paura di Giuseppe Conte” che sulla questione viene così difeso: “Nel suo curriculum Giuseppe Conte ha scritto con chiarezza che alla New York University ha perfezionato e aggiornato i suoi studi. Non ha mai citato corsi o master frequentati in quell’Università. Come spiega il prof. Mads Andenas, ha fatto quello che fanno gli studiosi che vogliono arricchire le loro ricerche: ha passato le estati a studiare e a incontrare altri colleghi esperti del settore che stava approfondendo, presso l’università in questione“.

Per leggere il comunicato completo del Movimento 5 Stelle, cliccare qui.

Potrebbe anche interessarti