La ricerca scientifica tra Napoli e Harvard

sdnSono l’8 e il 19 maggio le giornate stabilite per i seminari di studio in seno ai risultati ottenuti dalla diagnostica per immagini PET-RM in campo oncologico e organizzati, mediante la prestigiosa collaborazione dell’Harvard Medical School, dall’Istituto SDN di Napoli, uno dei centri europei di ricerca diagnostica  e nucleare maggiormente all’avanguardia. Un’iniziativa che accresce la fama a livello internazionale dell’Istituto napoletano, il quale, primo in Italia e in Europa Sud Orientale, possiede il tomografo BiographmMR, lo strumento che permette al paziente di sottoporsi contemporaneamente alla Risonanza Magnetica e alla Pet. È un importante traguardo della diagnostica per immagini, da adesso sempre più in grado non soltanto di offrire, attraverso un’immagine più dettagliata e chiara, una maggiore accuratezza nello studio delle patologie oncologiche, cardiologiche e neurologiche, ma anche di pervenire alla possibilità di meglio determinare lo stadio dei tumori.

Il primo incontro è previsto per Giovedì 8 maggio alle ore 13:30 nella Sala Convegni dell’Istituto SDN e sarà dedicato alla tematica della “Correzione del movimento con l’utilizzo della PET-RM simultanea”. Il relatore sarà Chuan Huang, giovane ricercatore dell’Harvard Medical School, che indicherà come agire per rendere più dettagliate, attraverso i dati della risonanza, le informazioni proprie della PET. Lunedì 19 maggio si svolgerà, invece, il secondo seminario di studi relativo a “Lo stato dell’arte ed il futuro della PET-RM”. Presenzieranno il direttore del Centre for Biomedical Imaging del Massachusetts General Hospital e il professore di Radiologia all’Harvard Medical School, Bruce Rosen, che mostrerà i risultati finora conseguiti dalla collaborazione scientifica tra l’istituto SDN e l’Harvard Medical School rispetto alla ricerca in campo oncologico.

Un ulteriore momento per rilanciare l’immagine della città partenopea e delle sue punte d’eccellenza, coinvolte in un progetto scientifico che si spinge oltre oceano.

 

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più