Quando la pubblicità nasconde il pregiudizio

emmentaler-spot

Il portale Insorgenza.it segnala una nuova operazione di “sputtanamento mediatico” a danno dei meridionali. Nessuno di noi lo aveva notato, ma a ben guardare, in quella semplice ed apparentemente innocua pubblicità del formaggio svizzero Emmentaler, possiamo trovare molto di più che un semplice invito a comprare un prodotto tipico.

Con un occhio più attento si può infatti notare come le due donne inquadrate (entrambe testimonial dello spot) siano sostanzialmente diverse nell’aspetto e nei modi. Nei due riquadri si vedono perfettamente due massaie, una ben vestita, dai capelli in ordine e dall’aspetto molto gradevole oltre che compito e civile e l’altra che abita a Cosenza, un po’ in sovrappeso, vestita male, con uno sguardo arcigno e con un forzato accento calabrese.

Tra le due ovviamente, la differenza è tanta e ci chiediamo anche noi come mai la rappresentazione del Sud avvenga sempre mediante la consueta stereotipata metodica che dipinge noi meridionali come i soliti tracagnotti un po‘ ignoranti e pittoreschi.

Potrebbe anche interessarti