Il marito l’ha strangolata a mani nude: Imma lo aveva già denunciato

Caserta – Femminicidio. È questo uno dei reati più ricorrenti soprattutto negli ultimi anni. Uomini che si sporcano le mano del sangue di donne che (non) amano in maniera sbagliata, perversa e malata.

L’ultimo di una lunga serie si è verificato nel casertano e precisamente a San Marcellino. La vittima è Immacolata Stabile di 48 anni, moglie e madre di due figli, gli stessi che hanno allarmato le autorità competenti dopo il tragico ritrovamento del corpo senza vita della madre. Insieme alla madre, i ragazzi hanno ritrovato anche il cadavere del padre, penzolante ad un solaio in una stanza della casa

I carabinieri accorsi sul posto hanno subito pensato ad un omicidio-suicidio. L’uomo di 51 anni avrebbe prima strangolato la moglie a mani nude, dopo un’ ennesima lite, e poi si sarebbe tolto la vita impiccandosi grazie ad un laccio appeso ad un solaio.

La donna aveva già denunciato il marito in passato per maltrattamenti, ma dopo appena due settimane aveva ritirato la denuncia. Nel frattempo nessuno era andato in suo soccorso. Un ennesimo epilogo drammatico, che poteva essere evitato. Probabilmente il gesto estremo del marito è stato dettato anche da un lavoro precario che aveva gettato nell’angoscia l’uomo.

Ma nessun motivo è abbastanza valido per giustificare un omicidio. Imma aveva avuto il coraggio di parlare e chiedere aiuto. Quello stesso coraggio dissipato e fatto tacere per il troppo amore, lo stesso che l’ha condotto alla morte.

Potrebbe anche interessarti