Albergo dei Poveri di Napoli: il Movimento Neoborbonico in Senato

Il Movimento Neoborbonico, in Senato, ha partecipato ad un’interrogazione al Ministro dei Beni Culturali a cura della senatrice Sabrina Ricciardi con 11 senatori.

Alla luce delle condizioni attuali, di un dossier dell’Associazione Neoborbonica [a cura di Emilio Caserta] e di un servizio giornalistico [Il Mattino, a cura di Antonio Folle] quali iniziative di competenza intenda assumere il Ministro al fine di ridare dignità e valore ad un monumento che costituisce una parte molto importante del patrimonio culturale mondiale“.

Al Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo. Premesso che, a quanto risulta agli interroganti: il “real albergo dei poveri”, o palazzo Fuga, è il maggiore palazzo monumentale di Napoli ed una delle più grandi costruzioni settecentesche d’Europa.

L’opera si deve all’ingegno dell’architetto Ferdinando Fuga, che lo progettò su commissione dell’illuminato sovrano Carlo III. Con i suoi 100.000 metri quadri, oltre 400 stanze e una facciata di oltre 300 metri, è uno degli edifici più grandi del mondo oltre che, per quel tempo, il perno di avanzatissime politiche sociali e produttive; inizialmente la struttura ospitava numerosi cittadini ai quali veniva offerto vitto, alloggio, un’istruzione e la possibilità di imparare un mestiere, finendo per collocarvi addirittura una scuola per sordomuti. A metà dell’800 la struttura ospitava più di 5.000 persone, divenendo una delle opere più importanti al mondo;

a seguito del terremoto che nel 1980 flagellò la città di Napoli, l’ala destra dell’edificio crollò. In seguito, numerosi progetti ne tentarono il recupero, soprattutto a partire dal 1995, ovvero da quando l’Unesco lo ha inserito tra le opere appartenenti al patrimonio mondiale. Tuttavia i restauri sono sempre stati parziali e insufficienti;
attualmente la struttura risulta abbandonata, finendo raramente per ospitare qualche mostra o esposizione culturale.

In questi anni sono state poste in essere numerose proposte o progetti per rivitalizzare l’albergo dei poveri: dalla “città dei giovani” alla realizzazione di uno dei musei più grandi del mondo, dal progetto “Louvre partenopeo” suggerito dall’attuale Giunta di Napoli alle proposte di un museo dell’artigianato e dell’antiquariato; come denunciato da un recente servizio giornalistico e da un dossier presentato dall’associazione culturale Neoborbonica, le condizioni attuali di quasi tutta la struttura risultano precarie al punto da rischiare ulteriori crolli o danni; la struttura, che ha un valore stimato di circa 120 milioni di euro, necessita di ingenti finanziamenti per una riqualificazione che possa portarla ai fasti di un tempo: ripristino che renderebbe palazzo Fuga un “hub” strategicamente importante essendo collocato a ridosso della stazione centrale, dell’aeroporto di Capodichino, della metropolitana e dei maggiori sbocchi viari;

tuttavia il Comune di Napoli, proprietario della struttura, avendo ingenti problemi finanziari, non dispone delle risorse necessarie richieste dall’imponente piano di restauro. A tal proposito recentemente il sindaco di Napoli ha espresso l’intenzione di voler cedere palazzo Fuga allo Stato;

l’ex Ministro per i beni e le attività culturali, Alberto Bonisoli, si rese disponibile ad una riflessione circa la possibilità di utilizzare la struttura quale itinerario dell’arte o anche per ospitare gli uffici di enti istituzionali o militari;
l’ipotesi del “federal building”, cui si potrebbe aggiungere anche un utilizzo con finalità espositive o culturali, comporterebbe un notevole risparmio per lo Stato dal momento che verrebbero meno ingenti capitoli di spesa per gli affitti passivi,

si chiede di sapere:
se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza dello stato degli eventuali progetti; quali iniziative di competenza intenda assumere al fine di ridare dignità e valore ad un monumento che costituisce una parte molto importante del patrimonio culturale mondiale.

L’interrogazione è consultabile qui!

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più