Coronavirus, la stampa estera elogia il Cotugno: “È l’eccezione: nessun medico infetto”

Coronavirus ospedale cotugnoIl giornalista Stuart Ramsay ha elogiato l’Ospedale Cotugno affermando che al Sud siamo più equipaggiati e più preparati ad affrontare l’epidemia di Coronavirus rispetto al Nord Italia. Queste sono le sue parole:

Nel nord Italia migliaia di medici si ammalano combattendo la pandemia di coronavirus e decine di persone sono morte – ma lontano, al Sud, hanno avuto il tempo di prepararsi.

“All’ospedale Cotugno, una struttura specializzata in malattie infettive che ora tratta solo pazienti COVID-19, le guardie armate pattugliano i corridoi. Mentre entravamo, passammo davanti a macchine per la disinfezione che assomigliano a scanner per aeroporto, ma ti ripuliscono.

“Mentre la velocità della tempesta del virus colse tutti di sorpresa nel nord e le squadre mediche furono sopraffatte, le cose in questo ospedale erano diverse. Siamo stati portati, completamente vestiti nei nostri strati protettivi e occhiali, in una delle loro unità di terapia intensiva (ICU).

“Questo era un livello completamente diverso da tutto ciò che abbiamo visto prima. Il personale che cura i pazienti più malati indossa maschere super avanzate – molto più vicine a una maschera antigas di quanto normalmente vediamo indossare dal nostro personale ospedaliero. Sono rivestiti in spesse tute impermeabili, il che significa che i medici e gli infermieri sono effettivamente sigillati. Incredibilmente, almeno finora, non è stato colpito un solo membro delle equipe mediche – sembra che si possa fare, devi solo avere l’attrezzatura giusta e seguire i protocolli giusti.

“Questo ospedale è l’eccezione nel Sud del paese. Era già il più avanzato, ma abbiamo iniziato a renderci conto che è possibile mantenere le squadre mediche al sicuro. Ciò che stanno notando è che tutti e chiunque può essere infettato, non solo gli anziani. Ci sono molti giovani pazienti che vengono curati qui e, cosa interessante, stanno scoprendo che le classi medie sono le più infette.

“Ho chiesto perché? La risposta è davvero ovvia: viaggiano. Ciò che colpisce davvero qui è che le regole di separazione degli ambienti infetti e delle aree pulite sono seguite da tutti. Ma le guardie di sicurezza armate si trovano in ogni corridoio di collegamento nel caso qualcuno se ne dimentichi.

“Infermieri e medici delle aree pulite assistono il personale delle aree infette attraverso la linea. Mantengono i due assolutamente separati. Questa separazione è la chiave. È una separazione che i medici qui riconoscono che era quasi impossibile per i medici e gli infermieri del nord osservare perché la marea dei pazienti che arrivavano era così grande.

“Gli operatori sanitari sono in prima linea e soccombono anche alla malattia. Forse, tuttavia, non deve essere inevitabile. Non è qui, ma hanno gli equipaggiamenti, non sperano solo per il meglio.“.

Stuart Ramsay è il principale corrispondente straniero di Sky, che copre le principali notizie globali e gli eventi mondiali, tra cui 18 guerre separate in una carriera di 30 anni.

Stuart è stato inviato negli uffici in Russia, Stati Uniti, Sudafrica, India e Dubai – con incarichi recenti incentrati principalmente sulle guerre in Siria e Iraq, sulla crisi dei migranti in America centrale e sulla crisi politica in corso in Venezuela. Inoltre ha vinto due Emmy ed è stato nominato per altri tre.

Ha ricevuto quattro nomination ai BAFTA, una Golden Nymph del Monte Carlo Film Award, giornalista dell’anno del London Press Club e tre vittorie della Royal Television Society, tra cui lo scoop del 2017 per la sua rivelazione di file segreti dello Stato Islamico.

Potrebbe anche interessarti