Tour in Campania: ecco alcuni dei posti più belli da vedere…

monumenti campania

La Campania è una regione ricca di storia e vita che andrebbe conosciuta in ogni suo piccolo spazio, ma molte volte, alcuni posti vengono sottovalutati o peggio declassati dall’ombra di piazze, monumenti o città più conosciute. Quanti di voi ad esempio immaginavano la bellezza di Castellabate prima che uscisse il film Benvenuti al Sud?

Questo ovviamente è solo un esempio, un modo per specificare che in Campania non ci sono posti belli e posti brutti, troppo spesso il problema dei turisti è solo quello di scegliere, cosa vedere e cosa rimandare ad una prossima eventuale visita in Campania, e allora noi oggi proveremo ad elencare quelli che secondo noi sono i posti da visitare subito per innamorarsi di una splendida regione come la Campania.

Partendo da Napoli, immensa e speciale per ogni partenopeo, musa ispiratrice di versi di odio e amore, la prima visione impossibile da nascondere è quella del golfo. Provate ad affacciarvi da Posillipo e vi sembrerà di vedere quel panorama, visto fino a quel momento solo in cartolina, che parla e racconta la storia del popolo partenopeo. Stessa emozione per chi decide di ammirare la città dalla collina del Vomero dove si trova la Certosa di San Martino, in un attimo si troverà con le spalle ad uno dei maggiori complessi monumentali di Napoli, incantevole e riuscitissima rappresentazione dell’arte barocca, affiancata a Castel San’Elmo, e con gli occhi puntati sulla città che si estende libera e si divide in due, grazie a quella famosa strada chiamata “Spaccanapoli”.

Spaccanapoli, la strada che taglia la città e attraversa la parte storica di Napoli, è percorribile dall’inizio fino alla fine su di una linea retta  che accoglie le meraviglie di Partenope tra cui la Chiesa del Gesù Nuovo e la Chiesa di Santa Chiara, entrambe di immensa bellezza e maestosità.

Uno sguardo speciale bisogna dedicarlo alla piazza più importante, ovvero Piazza del Plebiscito, il punto d’unione tra la mondanità dello shopping e la quiete del mare, la piazza meta di concerti, manifestazioni, ma sopratutto patria di un gioco da cui è impossibile sfuggire; chiunque si trovi in visita a Napoli, arrivato in Piazza del Plebiscito, deve provare il “gioco dei cavalli” che funziona così: dando le spalle al Palazzo Reale, bisogna dirigersi ad occhi chiusi verso la Chiesa e passare tra i due cavalli, senza mai girare, provando a camminare in linea retta, vedrete che sarà difficile quasi per tutti.

Immancabile uno sguardo a Palazzo Reale, il Teatro San Carlo alle sue spalle, al maestoso Maschio Angioino o all’affascinante Castel dell’Ovo, tutti posti impossibili da trascurare, esattamente come la famosissima “Strada dei Presepi” di San Gregorio Armeno, poi tutti al porto, direzione Capri.

Quante persone vorrebbero visitare Capri? Moltissime, quindi perché lasciarsi sfuggire un’occasione simile durante un soggiorno in Campania? Tutti in barca  per ammirare la bella isola meta di Vip e scenario di feste di alto livello, i faraglioni, il mare, ma in modo particolare la regina dell’isola, la Grotta Azzurra, non si può dire di aver visto Capri senza aver visitato la grotta, una gita veloce e poi pronti per il rientro ma verso una meta diversa, Sorrento.

Sorrento e l’intera costiera amalfitana, rappresentano gran parte del patrimonio turistico della Campania. Distano poco meno di un’ora da Napoli ma una volta arrivati sembrerà di stare nel paradiso terrestre. Acqua cristallina, spiagge fantastiche e borghi caratteristici che lasciano a bocca aperta chiunque si lasci andare  a quel tour affascinante.

Per gli amanti della storia e dell’archeologia, non c’è da disperarsi, la Campania accontenta tutti,  i siti di Pompei ed Ercolano mostrano in tutto il loro splendore i resti della città che fu sommersa dalla lava del Vesuvio, mentre a Baia ( a soli 30 minuti da Napoli ) è possibile ammirare la città sommersa, ovvero una parte del sito archeologico sprofondato nel mare a causa dei fenomeni del bradisismo.

Si accontentano un po’ tutti, i romantici amanti dei panorami mozzafiato, gli appassionati di archeologia e storia, ma anche quelli che amano le storie miste che si abbracciano tra cultura e religione, ed è a loro che si consiglia una visita al famoso Cimitero delle Fontanelle, un luogo suggestivo ma al tempo stesso incantevole, uno dei posti più visitati della città.

Per concludere in bellezza, una cosa non può mancare ed è il saluto al “grande capo”, il Vesuvio. Chiunque prima di tornare a casa, dovrebbe omaggiare il vulcano partenopeo, con una visita, per abbracciarlo da vicino e incantarsi per la sua maestosità.

Insomma, parlare delle bellezze Campane riducendo tutto in una sola pagina, risulta davvero impossibile, ma partendo da Napoli e passeggiando un po’ abbiamo cercato di dare qualche suggerimento, sperando che possa essere l’input per tornare e visitare le altre bellezze non citate ma comunque degne di nota.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più