Dolci, soffici e profumate graffe: ecco le più buone di Napoli e provincia

Graffe

Il napoletano di indole è una buona forchetta e come tale apprezza di buon grado tutto ciò che rallegra il palato. La buona cucina è una caratteristica predominante nel D.N.A. partenopeo, e proprio per questo motivo, per gioire di alcuni dei piccoli piaceri della vita, non si può non visitare Napoli.

Pizza, spaghetti, zeppole e panzarotti, il babà, la sfogliatella, una lista lunghissima che farebbe venir fame a chiunque, si può elencare quando si pensa di sgranocchiare qualcosa a Napoli, una sfilza di chicche culinarie che non deludono mai.

Tra le tante cose, c’è ne una che tutti almeno una volta hanno provato, si può trovare nei bar, nelle pasticcerie, nelle rosticcerie, ma anche a casa quando le mamme si mettono all’opera, quella che ha fatto innamorare grandi e bambini e si acquistava dopo un giro alle giostre di Edenlandia, la famosa “graffa napoletana”.

La graffa a Napoli è un’istituzione, proprio come la pizza, la sfogliatella o il babà. L’odore che sprigiona durante la cottura, non è quello tipico della frittura che spesso può infastidire, ma un alone inebriante di dolcezza che sembra voler attirare a se tutti i golosi.

Quando si parla di graffe, bisogna specificare che esistono diverse ricette, quelle che contengono le patate e quelle senza, di base però gli ingredienti sono simili, a base di lievito, acqua, farina, uova, burro, zucchero e vanillina. Con una forma tipica delle ciambelle, le graffe non vanno confuse con le castagnole, dolce tipico di carnevale molto simile a graffette tonde ripiene, che però non sono napoletane, bensì romagnole. A Napoli la graffa si mangia sempre, che sia estate o inverno, Carnevale o Natale, ogni occasione è buona per addentare la morbidezza ricoperta di zucchero, le frittelle di carnevale sono altre, con una ricetta diversa, ovvero le frittelle di pasta cresciuta.

Per qualcuno la graffa più buona è sempre quella che fa mammà, ma se dovessimo consigliare a qualche amico un posto dove assaggiare la bontà di questo semplice dolce partenopeo, tenendo per noi il gioiello culinario della mamma, dove potremmo indirizzarlo?

Sono numerosi i posti che fanno gioire gli amanti del fritto dolce, come la Pasticceria Carraturo, famosa per la sfogliatella ma abile e impeccabile anche per la graffa,  il Ciottolo in via Marina, che ogni sera fa gioire milioni di ragazzi che prima di rientrare a casa si concedono un pit stop per una graffa calda, il panificio Il Fornaio, in via Maddalena, nel cuore di Napoli, il Cornettone  a via Alessio Mazzocchi, I Ciambellai nella Pignasecca, un classico banchetto di frittura in una delle strade più folkloristiche di Napoli, Pupetta a Castellammare di Stabia in zona Scanzano, ma secondo il sito agrodolce.it, sono dieci i posti in particolare che meritano di essere visitati per assaporare e graffe più buone. Ecco quali:

  1. Chalet Ciro (via Mergellina). Una tappa fissa per chi passeggia sul lungomare, un dolce strappo alla regola delle diete e del cibo “sano”, per lasciarsi andare ad un momento di piacere culinario, mentre ci si innamora del golfo di Napoli.
  2. Pirò (via dell’Epomeo, 228). Molto simile alla nota graffa di Edenlandia, Pirò sforna graffe ogni giorno e ad ogni ora.
  3. Panificio Grieco (via Luca Giordano, 81/a). Nel cuore delle strade dello shopping vomerese, un profumo inebria i passanti incitandoli ad una dolce sosta, un attimo di riposo per riprendere le forze e  assaporare una meravigliosa graffa,
  4. Voglia di Graffe (via dei Tribunali, 363). Se da un lato con la Pizzeria Sorbillo, la voglia di pizza aumenta, dall’altro l’odore delle graffe fa sorgere il dubbio: “e se mangiassi direttamente il dolce?”. Un Vicolo e mille profumi, quelli tipici della cucina partenopea.
  5. Graffetteria Magn Magn (via Mario Fiore, 43). Anche questa situata nel cuore del Vomero, ogni Sabato rappresenta un punto d’incontro per molti giovani che spesso alla solita discoteca, preferiscono una chiacchiera tra amici in compagnia di una graffa bollente e cotta al momento.
  6. La Grafferia (via Rimini, 66). Graffe di tutti i tipi, semplici o farcite, e per i golosi troppo pigri anche una comoda consegna a domicilio. Cosa si può chiedere di più?
  7. La Grafferia (via Alfa Romeo 7, Pomigliano d’Arco). Omonima della grafferia citata in precedenza, anche quella  di Pomigliano d’Arco non sfigura. Lunghe attese ricompensate da ottimi risultati, tra quelli più quotati, gli angioletti, stesso impasto delle graffe che accontenta più palati.
  8. Pizzeria La Dea Bendata (corso Umberto I 93, Pozzuoli). Chi ha detto che la graffa è una specialità solo delle pasticcerie? Sembra proprio che anche la pizzeria possa fare la sua bella figura, come nel caso della pizzeria La Dea Bendata. Provare per credere.
  9. Salvo da Tre Generazioni (largo Arso 10, San Giorgio a Cremano). Citata nel menù come “Zeppola di Giuseppe”, la graffa è una specialità anche della Pizzeria Salvo a San Giorgio a Cremano.
  10. Antica Osteria Nonna Rosa (via Privata Bonea 4, Vico Equense). Pasticcerie, Pizzerie e ora anche un’osteria. Saranno davvero così buone le graffe? Sembra proprio di si, ottime da mangiare a stomaco vuoto o per chiudere in bellezza un pasto prelibato.

Come si può notare la graffa a Napoli più che un dolce è un’opera d’arte, fatta di ingredienti semplici ma non alla portata di tutti. Soffice, lievitata e asciutta, questi sono i punti fondamentali per incoronare quelle migliori. Noi vi consigliamo di provarle tutte, anche quelle non inserite nell’elenco.

Una graffa al giorno? Meglio di no, ma una dolce concessione ogni weekend ci starebbe proprio bene.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più