San Valentino, le 5 cose da NON fare assolutamente con il partner

Cosa NON fare a San Valentino

Quando si approssima il giorno di San Valentino per coloro che hanno un partner si presenta la solita questione: che cosa organizzo? Che pensierino posso comprare? Posto che non vi è bisogno del 14 Febbraio per fare una coccola a chi si ama, è comunque un’occasione per trascorrere una giornata dedicata all’amore, nonostante la deriva consumistica abbia affievolito l’importanza di tale festa, strumentalizzando, come avviene per ogni ricorrenza, i sentimenti delle persone per spillare loro dei soldi.

Altro fondamentale problema, in ogni caso, è cosa NON fare a San Valentino insieme alla persona amata, delle accortezze che se non rispettate possono risultare fastidiose o inopportune, e spegnere un po’ quel clima fatto di rosa e occhi a cuoricino. Ne abbiamo raccolte alcune, eccole:

– evitare le sorprese “eccessive”, come per esempio far recapitare in aula o al lavoro quei mirabolanti mazzi di fiori che poi non si sa dove mettere. Quante adolescenti, il 14 Febbraio, hanno avuto palpitazioni come quelle provocate dai migliori film horror, quando sentivano bussare alla porta della classe temendo che fosse il bidello con i fiori per lei? Va bene dimostrare il proprio amore anche davanti agli altri, però bisogna avere il senso della misura e saper evitare le cafonate;

– portare la persona amata in un ristorante con formula “All you can eat”. È tutt’altro che necessario spendere tanti soldi per una cena, però l’idea di potersi ingozzare il più possibile spendendo poco non fa salire il termometro del romanticismo. È sufficiente anche una cosa presa al volo o una cioccolata calda: è l’amore a rendere speciale San Valentino, non le pietanze:

– parlare di quello che si è fatto a San Valentino con gli/le ex, o meglio, non parlare proprio di loro, che sono elementi del tutto estranei e mal accetti in un giorno dove devono esistere soltanto due persone. L’ex fa nascere sempre una piccola gelosia, qual confronto che dà fastidio, positivo o negativo che sia;

– mostrare necessariamente agli altri ogni manifestazione d’amore. Foto della colazione, foto del bigliettino dei baci perugina, foto del bacio, foto della dedica d’amore (magari anche palesemente copiata da vecchi bigliettini perugina) foto della cena. La gente è contenta se gli altri sono contenti, però l’esagerazione è fastidiosa, come vedere le foto di cosce/würstel d’estate. Siamo, è vero, nell’era dei social network, ma i momenti intimi vanno tenuti per sé!;

– indossare dell’intimo “divertente” quando è soltanto imbarazzante. I boxer con i cuoricini possono pure passare, ma avete presenti quegli slip con proboscidi, peluches vari, disegni e fantasie bizzarri e così via? Ecco, faranno ridere gli amici e le amiche, ma spesso possono risultare imbarazzanti: le proboscidi è meglio lasciarle agli elefanti.

E voi, cosa avreste aggiunto?

Potrebbe anche interessarti