Aggredito in Circumvesuviana. Il capotreno lo salva col massaggio cardiaco

 

Circumvesuviana

Tragedia sfiorata ieri in Circumvesuviana. Già dalla mattina alcuni teppisti hanno distrutto trentadue porte di un treno fermo nella stazione di Napoli. Alle 18:30 tra due gang, all’interno di un convoglio in corsa tra Vico Equense e Castellammare di Stabia, è scoppiata una rissa feroce. Quando è intervenuto il capotreno, uno dei ragazzini privo di sensi, veniva preso a calci e pugni in testa e all’addome da un gruppo di ragazzini.

Alla vista del capotreno i teppisti si sono dati alla fuga mentre il ragazzo, che non respirava, è stato soccorso dall’uomo che gli ha praticato un massaggio cardiaco.

Il ragazzo ha ripreso conoscenza solo dopo qualche minuto ed è stato immediatamente trasportato, sanguinante e con il volto tumefatto, all’ospedale di Castellammare di Stabia dove è tutt’ora ricoverato per ulteriori accertamenti. In particolare si vuole escludere che abbia subito danni a causa dei ripetuti calci alla testa.

Una tragedia sfiorata se si considera che il ragazzo, a causa delle percosse, ha avuto un arresto cardiaco, e che se non fosse intervenuto in suo soccorso il capotreno avrebbe rischiato di rimetterci la vita.

Potrebbe anche interessarti